Per capire il contesto in cui ci troviamo. La Globalizzazione e noi (Pietro Ichino).

Una chiave di lettura unitaria della guerra civile che sta dilaniando il mondo arabo, anzi quello musulmano, e al tempo stesso di quel che sta accadendo nella politica europea, può essere sinteticamente proposta così: i popoli del vecchio continente si dividono di fronte al fenomeno della globalizzazione. Ciascuna nazione vede crescere fortemente al suo interno la preoccupazione per l’invasione di persone, cose e idee aliene, per la perdita di identità culturale, per il meticciato; prevale invece la percezione dei benefici che possono derivarne in un’altra parte della nazione: in genere quella più istruita e più sicura di sé sul piano economico e professionale.

L’aumento rapido degli scambi internazionali, della mobilità delle persone, delle idee, dei capitali, delle imprese, dei beni e servizi, è cosa già ben percepibile nella seconda metà del secolo passato; ma è di questo secolo l’importanza politica della divergenza tra le persone nel modo di rapportarsi a questo fenomeno.

continua a leggere su: Pietro Ichino

Scrivici cosa ne pensi