Ma quali sono le differenze fra orientamento degli adulti e orientamento scolastico o universitario?

Provo a elencarne alcune (suggerimenti benvenuti). Nell’orientamento in ambito educativo:

  1. si lavora molto di più su profili e settori professionali, perché la conoscenza del mondo produttivo che hanno gli studenti è limitata
  2. si lavora molto sugli indirizzi del ciclo di studi successivo, incluso, quando opportuno, la formazione professionale
  3. si enfatizza molto e si fa fare un’autoanalisi sulla riuscita scolastica e sul possesso delle capacità di natura cognitiva che la rendono possibile. Si invitano inoltre gli studenti a riflettere sulla loro esperienza del mondo educativo e sulla loro motivazione allo studio
  4. è più probabile che si usino test di interessi e di attitudini
  5. si può lavorare sugli stereotipi di genere relativi alle professioni
  6. si possono presentare particolari indirizzi di studio e settori produttivi che offrono buone opportunità di lavoro

Per leggere tutto l'articolo devi essere iscritto alla newsletter del sito. Iscriviti adesso.

  

Scrivici cosa ne pensi