Le competenze. Cosa sono, come rilevarle, come si utilizzano nell’orientamento

 

Se desideri fare un bilancio di competenze per te, vai a questa pagina. Se invece desideri imparare a fare il bilancio di competenze puoi frequentare i miei corsi a distanza:

oppure i miei corsi in aula a Milano

Vedi il Catalogo di tutti i miei corsi.

 

I termini competenza e competenze sono diventati di uso molto comune nella formazione e nell’orientamento, ma non c’è un accordo univoco sul loro significato, ad esempio Di Fabio (2002:13-30) elenca 9 definizioni diverse. Lo scopo di questo articolo è discutere le implicazioni per l’orientamento dei due approcci più comuni, che hanno avuto origine rispettivamente negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

2. Competenza, singolare non numerabile

Il termine ‘competente’ nel suo significato di ‘capace di svolgere bene un determinato compito o professione’ non crea difficoltà interpretative. Con questo termine si intende valorizzare quello che una persona sa fare, indipendentemente da come lo ha imparato. Si valorizza cioè l’apprendimento non formale in contrapposizione ad esempio a diploma, laurea, qualifica ottenuta attraverso un corso di studi. In questo accezione il termine ‘competenza’ (usato sempre al singolare) indica ‘quella generica qualità, non meglio specificata, posseduta una persona che si dimostra competente’ (nota 1)

Il punto che crea difficoltà è invece come individuare una persona competente.

3. Due modi per individuare una persona competente

Quando esaminiamo una persona mentre lavora, vediamo come alcune delle sue caratteristiche personali (conoscenze, capacità tecniche e trasversali, atteggiamenti, personalità, etc.) determinano la sua prestazione lavorativa (in inglese performance) (nota 2).

competenze

 

Per individuare una persona competente, possiamo focalizzarci su due aspetti diversi:

  • esaminare se la persona ha le caratteristiche personali da cui dipende secondo noi una prestazione lavorativa di buon livello. Ci focalizziamo cioè sulle caratteristiche personali, riportate nel disegno nella parte sinistra. Questa impostazione può essere chiamata ‘approccio americano alla competenza’ perché è stata sviluppata negli Stati Uniti da McClelland, Boyatzis (nota 3) e altri. Viene di solito utilizzata quando, come ad esempio nella selezione del personale, non è possibile osservare direttamente una persona svolgere una determinata attività.

Per leggere tutto l'articolo devi essere iscritto alla newsletter del sito. Iscriviti adesso.

  

Scrivici cosa ne pensi