La valenza orientativa delle discipline scolastiche

La valenza orientativa delle discipline scolastiche

Ammettiamo di voler promuovere l’insegnamento a scuola di una determinata materia o lo svolgimento di una determinata attività. Sarà necessario:

  • 1. che ci siano docenti sistematicamente formati al suo insegnamento/svolgimento (e non che manchino docenti appositamente formati o vi siano docenti formati in maniera inadeguata con iniziative estemporanee, troppo brevi e/o di bassa qualità)
  • 2. che a questa disciplina/attività sia riservata dalle norme ministeriali una parte precisa del monte ore totale delle attività scolastiche (e non che, al contrario, lo svolgimento di tale disciplina/attività sia lasciato alla buona volontà e alla disponibilità di tempo del singolo docente o dei suoi colleghi)
  • 3. che esista un’indicazione precisa degli obiettivi e del programma che è necessario svolgere, a loro volta articolati per ciascuna delle tipologie di studenti (e non che ogni docente debba definire in proprio gli obiettivi della sua attività e i contenuti del programma)
  • 4. che esistano materiali (libri di testo, audiovisivi) facilmente reperibili e di qualità riconosciuta a sostegno allo svolgimento della materia/attività (e non che tali materiali manchino o non si sappia discriminare quelli di qualità da quelli scadenti).

Se mancano una o più di queste quattro condizioni lo svolgimento di qualunque disciplina/attività sarà impossibile o comunque quella disciplina/attività sarà presente nella scuola in maniera episodica, svolta in un limitato numero di istituti e con livelli generali di efficacia molto bassi.

Si pensi ad esempio a voler far svolgere matematica o discipline aziendali a docenti che insegnano altre materie, senza preparazione specifica o con una preparazione limitata a un breve corso di aggiornamento, nel monte orario destinato ad altre materie, senza programmi e libri di testo. Cosa verrebbe insegnato? Il nulla.

Eppure questa è esattamente la condizione dell’orientamento.

La comoda formuletta dell’orientamento come disciplina trasversale a tutte le altre (la famosa ‘valenza orientativa delle discipline scolastiche’) condanna l’orientamento in gran parte delle nostre scuole alla semiclandestinità e all’inefficacia.

La valenza orientativa delle discipline scolastiche

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

Valuta questo articolo 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...

Scrivici cosa ne pensi