Indagine sui Servizi per l’impiego 2013

INDAGINE SUI SERVIZI PER L’IMPIEGO 2013. Rapporto di monitoraggio (Ministero del Lavoro)

Introduzione

Questo primo Rapporto sul “Monitoraggio dei servizi per l’impiego”, nasce dall’esigenza di
conoscere in dettaglio l’organizzazione e le risorse umane disponibili nei servizi pubblici per
l’impiego (SPI), nonché gli utenti dei servizi al fine di disegnare strategie di intervento finalizzate
a rendere più efficiente il funzionamento degli SPI e ad assicurare standard comuni nella
fornitura di servizi agli utenti.
Questa prima rilevazione, effettuata in stretta collaborazione con Regioni e Province e svolta avvalendosi delle tecnologie informatiche che ruotano intorno al portale Cliclavoro, è finalizzata
a raccogliere alcune informazioni di base, utili anche per un confronto internazionale. Essa è
destinata a divenire regolare nel tempo e ad arricchirsi di dati ed informazioni condivise da
tutti i Centri per l’impiego (CPI). Per la rilevazione delle informazioni è stato utilizzato un questionario condiviso al Tavolo tecnico SIL1, somministrato attraverso il portale Cliclavoro (www.cliclavoro.gov.it); questa modalità di acquisizione delle informazioni, corredata da un glossario puntuale, garantisce una maggiore uniformità dei dati che rende i confronti più affidabili.
I risultati di questa attività, che si è svolta durante il 2013, vengono presentati nelle pagine
che seguono. Il Rapporto è composto da 5 capitoli ai quali si aggiungono alcune appendici che
completano l’illustrazione. Il primo capitolo traccia l’evoluzione normativa dei CPI fornendo
anche una overview sui compiti loro affidati e sullo stato dell’arte dell’attuazione regionale
delle norme sull’accreditamento che hanno influenza sull’organizzazione dei servizi al lavoro
nel territorio.
Il secondo capitolo fornisce alcune importanti informazioni sulla localizzazione geografica dei
556 centri esistenti, istituiti dal decreto legislativo 4692. Questo capitolo può essere completato
con gli strumenti che il portale Cliclavoro mette a disposizione per orientarsi “territorialmente”
(il cittadino che si rivolge al portale può utilizzare la georeferenziazione di tali uffici per
calcolare la distanza dal proprio domicilio) e sarà il punto di riferimento per ulteriori rappresentazioni grafiche delle variabili che interessano ciascun centro.
Il terzo capitolo, tutto dedicato all’utenza dei servizi, offre le prime informazioni su quali sono
i soggetti – per il momento solo “cittadini” – che si rivolgono ai Centri per l’impiego, con una
specificazione in base ad alcune variabili quali il sesso, l’età, lo stato di disoccupazione. Queste
informazioni sono molto utili per organizzare le politiche e misurare anche il loro impatto
sull’organizzazione.
Il quarto capitolo costituisce un primo passo verso l’analisi dei fabbisogni di personale interno
agli uffici e si è concentrato, in questa prima fase, sul numero degli operatori, sul titolo di studio posseduto e sulle tipologie di contratto con il quale sono assunti. Nell’ottica di potenziare  i servizi diretti al cittadino, è stata fatta una “vista” specifica sugli operatori di front office.
Da ultimo, il quinto capitolo utilizza il sistema delle comunicazioni obbligatorie per analizzare la domanda di lavoro subordinato e parasubordinato per ciascun Centro per l’impiego e per questo costituisce il primo nucleo per un’analisi sui mercati del lavoro locali che può prescindere dalle suddivisioni “istituzionali” e che guarda sicuramente ad altri elementi più “di mercato”, utili anche per una diversa organizzazione sul territorio di queste strutture.
Le appendici sono dedicate, oltre che a contenere tutte le tabelle elaborate sulla base delle informazioni raccolte, all’illustrazione del questionario e del glossario dei termini.
Le informazioni contenute in questa pubblicazione, e i loro aggiornamenti periodici, saranno utilizzate per disegnare, insieme alle Regioni e alle Province, gli interventi necessari al potenziamento del CPI ed al miglioramento della loro efficienza, temi sui quali è stato già aperto un tavolo di confronto.

Scarica il documento monitoraggio-CPI-2013.

Scrivici cosa ne pensi