Il mio network è un animale sempre affamato a cui devo continuamente dare qualcosa da mangiare

Così mi ha risposto quest’estate un architetto a cui ho chiesto come mai avesse scelto un periodo così breve di vacanza (cioè di assenza dallo studio di progettazione).

La frase mi sembra chiarisca molto bene  un aspetto della condizione di consulenti e free lance: la necessità di alimentare costantemente il rapporto con clienti e possibili clienti.

Le persone che cercano un lavoro dipendente non sono le uniche a doversi preoccupare della creazione e del mantenimento di una rete; per consulenti e free lance l’impegno è ancora più gravoso.

Per leggere tutto l'articolo devi essere iscritto alla newsletter del sito. Iscriviti adesso.

  

Scrivici cosa ne pensi