Cosa ci chiede l’Unione Europea – Quaderni di Tecnostruttura

La quinta raccomandazione si contraddistingue per il “carattere multisettoriale”. Essa infatti potrebbe essere suddivisa in tre macro temi: il mercato del lavoro e occupazione, l’istruzione e l’inclusione sociale. Prima di tutto viene raccomandato all’Italia di adottare i decreti attuativi previsti nella riforma del mercato del lavoro Job Act, inerenti il ricorso alla cassa integrazione guadagni, la revisione degli accordi contrattuali e dei salari, la conciliazione vita privata e attività professionale e il rafforzamento delle politiche attive; inoltre si chiede che venga definito un quadro efficace per la contrattazione di secondo livello che dovrebbe contribuire a migliorare l’allineamento dei salari alla produttività e incentivare l’adozione di soluzioni innovative nelle aziende, nonché attenzione particolare deve essere rivolta anche all’incremento dell’occupazione delle donne. Per combattere la disoccupazione giovanile e ridurre il tasso di abbandono scolastico, si chiede all’Italia di adottare e attuare la riforma della scuola e allargare l’educazione terziaria professionale, nonché prevedere il rafforzamento e il potenziamento dell’apprendistato. Infine viene richiesto di prestare particolare attenzione al tema della povertà ed esclusione sociale che ha forti ripercussioni soprattutto sui minori, dato che i regimi di assistenza sociale sono frammentati ed inefficaci nell’affrontare il problema.

Sorgente: Quaderno del 30 settembre 2015 – Quaderni di Tecnostruttura

Scrivici cosa ne pensi