A cosa servono le domande aperte

Arrivo a Riccione per tenere un seminario. C’è un bel sole, ma tira parecchio vento freddo. Cammino dalla stazione all’hotel contento di aver portato il mio piumino pesante. La sera a cena alcuni corsisti mi chiedono se la mattina alle 7 voglio andare a camminare sulla spiaggia con loro. Io li ringrazio ma dico di no: non sono particolarmente salutista, tira vento e soprattutto quando faccio aula non devo avere distrazioni.

 

Vado a dormire, ho una camera vista mare e tutta la notte sento il vento fischiare. La mattina incontro a colazione Miriam, una delle camminatrici.

 

  1. Se le chiedo: ‘Allora siete andate a camminare? Vi ha fatto freddo?’ Miriam mi risponderà: ‘Sì, c’era vento, ma ci siamo coperte bene’.

 

  1. Se invece le chiedo: ‘Allora siete andate a camminare? Com’è stata la camminata?’ Miriam mi risponderà: ‘Splendida, c’era una luce bellissima’. (è vero, l’ho notato anch’io, ma nella realtà le ho fatto la domanda 1 perché avevo sentito il freddo del vento camminando verso l’hotel e perché il vento non mi aveva fatto dormire).

 

Dunque, se voglio conoscere l’esperienza di Miriam su un aspetto che IO ritengo rilevante (in questo caso il vento) farò una domanda chiusa su quello (la n.1). Se invece voglio conoscere l’aspetto più rilevante della passeggiata PER MIRIAM dovrò usare una domanda aperta (la n.2).

 

A cosa servono e come formulare e esercitarsi nelle domande aperte è uno dei temi del mio corso La Cassetta degli Attrezzi per l’orientamento che tengo a Milano nei giorni 22-23-24 Marzo.

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista.  Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

L’orientamento e la Cometa di Halley

Dicevo sabato scorso ai partecipanti al seminario Come formarsi e lavorare nell’orientamento che le oltre 10.000 assunzioni previste dalle Regioni (più le 3.000 da parte di ANPAL Servizi) e il previsto Piano di potenziamento dei Centri per l’impiego sono un evento eccezionale, al pari del passaggio della Cometa di Halley. Un evento della stessa importanza negli ultimi 50 anni si è verificato solo un’altra volta, a fine degli anni ’90, quando i vecchi uffici di collocamento furono trasformati nei centri per l’impiego, con l’obbligo di fornire attività di orientamento a tutte le persone in cerca di lavoro e la risultante diffusione delle figure del consulente di orientamento e dell’addetto alle politiche attive. Da fine anni ’90 l’orientamento è forse la principale attività dei centri per l’impiego, e in molte regioni viene anche erogato in convenzione da soggetti privati quali Agenzie per il lavoro e Agenzie formative accreditate per i servizi di orientamento. Ogni giorno migliaia di disoccupati si rivolgono ai consulenti di orientamento / addetti politiche attive che lavorano all’interno dei centri per l’impiego, delle Agenzie per il lavoro e delle agenzie formative per chiedere supporto su come scegliere un obiettivo professionale, migliorare la propria impiegabilità o rendere più efficace la propria ricerca di lavoro. Nei Centri per l’impiego la soddisfazione per questo servizio è elevata, contrariamente a quella per l’incontro domanda e offerta di lavoro su cui i Centri per l’impiego faticano a ritagliarsi una quota di mercato significativa.

Le 10.000 assunzioni da parte delle Regioni permetteranno di ridurre il numero di disoccupati in carico a ogni operatore dei Centri per l’impiego (in alcuni Centri ogni operatore ha fino a 300 disoccupati in carico) con un netto miglioramento del servizio. Grazie alle nuove assunzioni ogni operatore di orientamento potrà seguire ogni disoccupato in modo molto più puntuale, mentre adesso l’accompagnamento personalizzato in genere non è possibile.

Ovviamente le assunzioni e le nuove attrezzature non basteranno per ridurre la disoccupazione in modo significativo. Ai miei corsisti spiego che l’orientamento è un ingranaggio di un macchinario (quello delle politiche attive) fatto di vari altri ingranaggi (ad esempio la formazione professionale, la possibilità di attivare tirocini, la possibilità di concedere borse lavoro, etc.) e che produce risultati quando anche tutti gli altri ingranaggi girano e le imprese sono incoraggiate ad assumere personale. L’attuale piano di assunzioni straordinario nei Centri per l’impiego, se manca il potenziamento delle altre misure di politica attiva e non si facilitano le assunzioni da parte delle imprese rischia di ridursi a uno spreco di risorse: se nel mulino che gira non si butta grano (posti di lavoro) dalla macina esce solo polvere.

Le previste 10.000 assunzioni da parte delle Regioni (e le 3.000 previste da ANPAL Servizi) avranno anche un impatto eccezionale sulle opportunità di lavoro nel settore.  Sono decenni che nella pubblica amministrazione non si vedeva un piano di assunzioni di queste dimensioni. Le opportunità occupazionali sono ottime anche per chi non ha i requisiti, non supererà i concorsi pubblici o non vuole diventare un dipendente pubblico: immagino che le Regioni preferiranno assumere persone che abbiano già esperienza, vale a dire persone che adesso lavorano nel settore privato presso Agenzie per il lavoro e Agenzie formative accreditate. Se, ammettiamo, 7.000 dei 10.000 nuovi assunti dalle Regioni proverranno dal settore privato, si scatenerà la caccia al consulente di orientamento / addetto alle politiche attive del lavoro anche nel privato.

Dunque, cosa aspetti a iniziare a formarti o, se già lavori nel settore, a migliorare le tue competenze?

Ti segnalo i miei corsi in partenza a breve:

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista.  Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

Pensarci prima: “La migliore facoltà per trovare lavoro? Statistica batte ingegneria”

Un articolo di oggi su Il Corriere della Sera riporta una serie di dati sulle lauree più richieste che ti invito a leggere.  Le lauree maggiormente richieste sono quelle quelle in area scientifica:

La notizia piacerà poco agli umanisti ma, fatta eccezione per l’insegnamento, ambito in cui si prevedono molti nuovi ingressi, le prime posizioni sono occupate dalle cosiddette materie Stem. Parliamo di matematica, statistica, fisica o informatica. Branche del sapere che storicamente danno la possibilità di inserirsi con facilità nel mondo del lavoro sia in Italia che all’estero perché basate su competenze verticali, fondamentali al tempo del digitale e dei big data. Non si tratta però di un paradiso per tutti. L’indagine di Unioncamere segnala diversi gruppi a rischio disoccupazione. In fondo alla classifica troviamo i laureati del gruppo geo-biologico, in crisi anche più dei colleghi architetti o letterati. A fronte di oltre 45 mila neo-laureati il fabbisogno previsto per queste facoltà è di appena 23.700 posti. Appena lo 0,53 per cento dell’offerta. Nel report si parla di «chiara situazione di eccedenza, e quindi prospettive di occupabilità veramente difficili». Si conferma invece vincente la scelta di studiare Ingegneria, facoltà che presenta una reperibilità alta per i nuovi laureati e che garantisce tassi di occupazione sopra il 90 per cento come certificato anche dall’ultima indagine di Almalaurea a 5 anni dal titolo di studio. Buone chance poi per Medicina e per tutte le professioni sanitarie. E questo per via dei futuri pensionamenti in programma negli ospedali. In difficoltà invece gli iscritti ad Agraria che si collocano in ultima posizione per possibilità di impiego.

Ma se a me l’ambito scientifico non piace? La slide iniziale mostra un possibile criterio di scelta.

Il tema delle scelte professionali, all’interno del bilancio di competenze, è trattato nei miei due corsi:

 

Ti potrebbero interessare anche

 

Nuova edizione MILANO 16 Marzo 2019

Impara a Fare Orientamento nelle Scuole Secondarie di 2’ grado (medie superiori)

corso distanza, immediatamente disponibile

 

a MILANO il 25 Maggio 2019

a MILANO il 26 Maggio 2019

A Milano l’8 Giugno 2019

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

Ricerca di lavoro: perché monitorare il numero di contatti è indispensabile

Ieri ho pubblicato un post su LinkedIn dove chiedevo ai miei colleghi quali erano le loro evidenze rispetto al numero dei tentativi di ricerca necessari prima di trovare lavoro. Chiedevo di suddividere questo dato in risposta a inserzioni, autocandidature e passaparola.

Ovviamente il numero dipende dalla coerenza del lavoro cercato col profilo personale e dalla qualità degli strumenti e modalità di ricerca utilizzati (inviare CV scritti bene, presentarsi bene, far bene i colloqui, etc.) ma ho immaginato che in disoccupati seguiti da orientatori questi aspetti fossero già a posto. Il numero di tentativi di ricerca dipende poi dal livello di impiegabilità personale e dalla rete personale: a un disoccupato con un’ottima impiegabilità e un’ottima rete per trovare lavoro può bastare un solo contatto di passaparola o una sola risposta a inserzioni. Un’ulteriore variabile è la zona d’Italia dove si cerca lavoro; in molte zone del nord Italia c’è una richiesta costante di figure qualificate. Dunque, non mi aspettavo un dato unico, ma un range: da x contatti per persone con buona impiegabilità a y contatti per persona con impiegabilità medio bassa. Mi aspettavo però una marea di numeri. In realtà quasi nessuno dei colleghi che mi ha risposto ha fornito numeri. A questo punto la mia impressione è che siano molto pochi gli orientatori / operatori politiche attive / coach di carriera che invitano i propri utenti a tenere nota del numero dei contatti e che tengono nota loro stessi dell’andamento dei loro contatti. Tu che mi leggi come ti regoli?

 

A parità delle altre condizioni che ho indicato sopra, il numero dei contatti è fondamentale. Poiché come sappiamo i datori di lavoro, per la loro ricerca, utilizzano i canali più diversi, è compito di chi cerca lavoro attivarsi contattandone il più possibile. Se cerco lavoro da un commercialista e nella zona in cui sono disponibile a spostarmi ce ne sono 30, l’unico modo per essere sicuro di trovare l’unico che in questo momento sta cercando un dipendente è contattarli tutti e 30. Il numero dei contatti è fondamentale perché se il nostro disoccupato fa 30 contatti al giorno (ad esempio invia 30 e-mail) per far sapere a tutti che sta cercando lavoro ci metterà 1 giorno. Se invece fa 5 contatti al mese (la media dei disoccupati che partecipano ai miei corsi) allora per far sapere a tutti che sta cercando lavoro ci vorranno 6 mesi.

 

Le variabili da tenere sotto controllo quando assistiamo una persona impegnata nella ricerca di lavoro sono tre:

  • Il numero assoluto dei contatti
  • La percentuale di saturazione dell’universo dei possibili datori di lavoro. Se contatto tutti e 30 i commercialisti la % di saturazione sarà 100, se ne contatto solo 3 sarà del 10%
  • L’andamento del numero assoluto dei contatti nel tempo.

È importante contattare anche con datori di lavoro che nell’immediato non stanno cercando un dipendente: se dovesse improvvisamente liberarsi un posto nella sua azienda, ho i requisiti richiesti e lui si ricorda di me è probabile che mi chiami per un colloquio.

L’importanza del numero dei contatti, le modalità per monitorare la ricerca di lavoro dei nostri utenti, le tecniche per motivarli alla ricerca sono trattati nei miei due corsi:

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Nuova edizione MILANO 16 Marzo 2019

a MILANO il 25 Maggio 2019

a MILANO il 26 Maggio 2019

A Milano l’8 Giugno 2019

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

Quanto incide la fortuna nella ricerca di lavoro?

Uno dei miei disoccupati ha raccontato una volta che ha trovato lavoro perché il padre ha fatto un piccolo incidente d’auto, e chiacchierando mentre aspettavano i vigili è venuto fuori che l’altro conducente era un imprenditore in cerca di un dipendente.

E un’altra mi ha raccontato che ha trovato lavoro perché è andata a fare un’autocandidatura in un’azienda, ma ha sbagliato e ha suonato il campanello a una ditta diversa, che casualmente stava cercando un dipendente.

Sicuramente si sono verificati due eventi fortuiti, ma alla base del risultato positivo ci sono anche due azioni specifiche che hanno aumentato la possibilità di un evento fortunato: nel primo caso FARE PASSAPAROLA, nel secondo FARE PORTA A PORTA.

Per indicare eventi di questo tipo, lo studioso americano John Krumbolz ha creato il termine happenstance, e ha descritto il concetto nel bel libro Luck is not accident.

Come favorire la fortuna nella ricerca di lavoro è uno dei nuovi temi trattati nel mio corso La Cassetta degli attrezzi dell’Addetto alle politiche attive / Career coach / Orientatore che terrò a Milano nei giorni 22-23-24 Marzo 2019 e del Laboratorio sulla gestione dei gruppi previsto a Milano l’11 e 12 maggio 2019.

Ti potrebbero interessare anche:

Nuova edizione MILANO 16 Marzo 2019

a MILANO il 25 Maggio 2019

a MILANO il 26 Maggio 2019

A Milano l’8 Giugno 2019

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

“Sono qui perché mi aspetto che mi troviate lavoro”

Una parte dei nostri utenti ha l’aspettativa che cerchiamo lavoro per loro e che se individuiamo un’offerta adatta li chiamiamo e gliela segnaliamo. A volte succede (leggiamo un’offerta di lavoro, ci ricordiamo di qualcuno dei nostri utenti e gli mandiamo una mail), ma di solito questa non è una modalità operativa standard. Il  numero di disoccupati che ogni operatore ha in carico è troppo elevato.

In che modo allora esplicitare le aspettative di ogni utente? In che modo ridimensionarle senza danneggiare la relazione con l’utente se ci accorgiamo che sono irrealistiche?

Questo è uno dei temi della terza giornata del mio corso Cassetta degli attrezzi, che terrò a Milano nei giorni 22, 23, 24 Marzo. Maggiori informazioni a questa pagina.

Ti potrebbero interessare anche:

Nuova edizione MILANO 16 Marzo 2019

 

 

 

 

a MILANO 11-12 Maggio 2019

 

a MILANO il 25 Maggio 2019

 

a MILANO il 26 Maggio 2019

 

A Milano l’8 Giugno 2019

Scopri / approfondisci le opportunità di lavoro nell’orientamento

Come formarti e lavorare nell’orientamento (incluso Navigator)

Da un paio d’anni la richiesta di orientatori è aumentata grazie all’introduzione della NASPI e del relativo Assegno di ricollocazione. L’avvio del Reddito di cittadinanza crea ulteriori opportunità, sia nei centri per l’impiego che presso le agenzie private. Il seminario informativo Come formarti e lavorare nell’orientamento, che terrò a Milano il 16 Marzo, ti spiega in dettaglio come formarsi al meglio per lavorare nel settore, chi sono i possibili datori di lavoro, come contattarli. Farò anche un approfondimento sulla figura del navigator. Il seminario è rivolto a neolaureati in discipline psicologiche, pedagogiche, sociali, economiche, giuridiche; oppure persone che hanno un buon livello culturale e una significativa esperienza lavorativa in altri ambiti. Il programma dettagliato e le modalità di iscrizione sono descritti a questa pagina.

Corsi e Laboratori per imparare a lavorare nell’orientamento o migliorare la tua professionalità (se già ci lavori):

La Cassetta degli Attrezzi dell’Addetto politiche attive / Career Coach / Orientatore

Le conoscenze e gli strumenti necessari per svolgere consulenza di orientamento. A MILANO una nuova edizione il 22, 23, 24 Marzo. Vedi per maggiori informazioni.

Laboratorio sul bilancio di competenze per la consulenza di carriera

Il Laboratorio, previsto a Milano il 30 e 31 Marzo 2019, ti permette di esercitarti nel bilancio di competenze. Ogni partecipante svolgerà in aula, sotto la mia supervisione, due bilanci di competenze individuali, uno nel ruolo del consulente e l’altro nel ruolo di utente. Leggi per maggiori informazioni.

 

a MILANO 11-12 Maggio 2019

 

a MILANO il 25 Maggio 2019

 

a MILANO il 26 Maggio 2019

 

A Milano l’8 Giugno 2019

 

Tutti i corsi sono tenuti da Leonardo Evangelista Profilo LinkedIn

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

Conviene formarsi adesso per navigator? E come scegliere la formazione per navigator?

Quali sono le mansioni del navigator?

Innanzitutto, stabiliamo chi è e cosa fa il navigator. Il decreto sul reddito di cittadinanza, all’art. 9, comma 3, fa riferimento a un ‘tutor’ che assiste il beneficiario del reddito di cittadinanza nella ricerca intensiva di un’occupazione. Perciò il nome corretto è ‘tutor’ della ricerca di lavoro; navigator è il nome usato nei talk show televisivi e sui giornali. In quest’articolo userò entrambi i termini, come equivalenti.

Nei centri per l’impiego (le strutture pubbliche che erogano servizi di orientamento e incrociano domanda e offerta di lavoro) e nelle agenzie per il lavoro (le strutture private come ad esempio Adecco, Manpower, Randstad che ugualmente erogano orientamento e incrociano domanda e offerta di lavoro) i tutor della ricerca di lavoro esistono già, da anni. Chi lavora come tutor  della ricerca di lavoro si definisce ‘consulente di orientamento’ o anche ‘addetto alle politiche attive del lavoro’, o anche più in breve ‘orientatore’.

Secondo il Governo, l’introduzione del reddito di cittadinanza porterà a un aumento del fabbisogno dei navigator. Di Maio, in più occasioni, ha fatto riferimento a 10.000 nuovi assunti in 2 anni, dei quali 6.000 assunti dal Ministero del lavoro tramite la sua controllata ANPAL Servizi e 4.000 dalle Regioni. Inoltre altri navigator saranno verosimilmente assunti dalle agenzie per i lavoro che, secondo quanto previsto dal  decreto si occuperanno ugualmente di assistere i beneficiari del reddito della cittadinanza nella loro ricerca di lavoro.

CONCLUSIONE 1: Perciò a questo punto possiamo arrivare a una prima conclusione: L’ORIENTAMENTO È UN SETTORE PROMETTENTE IN TERMINI LAVORATIVI.

Un elemento aggiuntivo da evidenziare è che a seguito del reddito di cittadinanza aumenterà la richiesta anche di altre figure, ad esempio di formatori (perché una parte dei beneficiari del reddito di cittadinanza saranno formati) e di educatori e assistenti sociali (prenderanno in carico i beneficiari del reddito di cittadinanza meno impiegabili). La mia impressione è che la richiesta di assistenti sociali e educatori sarà comparabile a quella degli orientatori.

Vale la pena di formarsi adesso per navigator? E come scegliere la formazione?

Le persone che lavorano nell’orientamento hanno in genere una laurea in psicologia, scienze dell’educazione, sociologia, economia, scienze politiche, giurisprudenza. Le stesse lauree sono state indicate da Tridico, il consigliere economico di Di Maio, come quelle richieste ai navigator per il bando ANPAL Servizi.

CONCLUSIONE 2: Tutto è possibile, ma SE NON HAI UN LAUREA IN UNO DI QUESTI AMBITI, SECONDO ME NON VALE LA PENA DI IMPEGNARTI PER LAVORARE COME NAVIGATOR.

In un concorso pubblico come quello delle Regioni o simil pubblico come quello di ANPAL Servizi i requisiti richiesti sono inderogabili: se non hai uno dei titoli di studio richiesti non puoi partecipare. Le agenzie per il lavoro sono invece strutture private e possono essere più elastiche, in teoria è possibile essere assunti anche con lauree di altro tipo a condizione di seguire una formazione specifica sull’orientamento e fare un tirocinio nell’orientamento di durata significativa (almeno 6 mesi, secondo me). Dunque lavorare come navigator per le agenzie per il lavoro in teoria è possibile ma prima di diventare competitivo ti ci vorrà circa  un anno (6 mesi di tirocinio + 1-2 mesi per formarsi sull’orientamento, poi ci sono di mezzo Natale e le ferie e arrivi a 12 mesi).

Se hai una laurea di quelle che sembra saranno richieste per lavorare come navigator, vale la pena di formarti adesso?

Se ti interessa lavorare nel settore dell’orientamento in generale, prima cominci a formarti e prima sei competitivo, perciò va bene cominciare a formarti adesso. Una volta formato, potrai proporti con le agenzie per il lavoro e eventualmente anche sui bandi pubblici.

CONCLUSIONE 3. SE TI INTERESSA LAVORARE NEL SETTORE DELL’ORIENTAMENTO IN GENERALE (PUBBLICO E PRIVATO) COMINCIARE A FORMARTI ADESSO È UNA BUONA STRATEGIA. Dai un’occhiata ai miei corsi, che sono brevi, molto operativi ed economici.

Se invece sei interessato a lavorare SOLO nel settore pubblico (bandi ANPAL e bandi regionali) tieni conto che NON SAPPIAMO COME SARANNO STRUTTURATI I BANDI PUBBLICI. Ad esempio, oltre alla laurea potrebbe essere richiesto UN PERIODO MINIMO DI ESPERIENZA. Perciò se acquisti adesso corsi di formazione sperando che ti saranno utili per partecipare ai bandi pubblici RISCHI DI BUTTARE VIA TEMPO E SOLDI.

CONCLUSIONE 4: SE TI INTERESSA LAVORARE SOLO NEL PUBBLICO, PRIMA DI COMPRARE CORSI DI FORMAZIONE PER NAVIGATOR ASPETTA I BANDI.

L’unico corso che ti consiglio di seguire già adesso, se sei interessato solo al bando navigator, è quello organizzato da ADAPT. È un corso che tratta solo norme giuridiche, perciò credo sarà un po’ noioso (ma prepararsi su norme giuridiche è in genere noioso). Te lo consiglio perché ADAPT è un’associazione esperta nella normativa giuridica relativa alle politiche attive del lavoro E PERCHE’ È GRATIS, perciò se poi non puoi partecipare all’eventuale bando ANPAL perché non hai i requisiti, se non altro hai perso solo tempo, non soldi.

Che formazione serve per lavorare per navigator?

Che cosa deve esserci nella formazione? Se vuoi lavorare con le agenzie per lavoro, sarà probabilmente molto importante aver seguito una formazione (corsi e eventualmente tirocinio) sull’orientamento. Se invece vuoi passare un concorso pubblico probabilmente ti dovrai formare soprattutto sulle norme di legge relative alle politiche attive del lavoro e sul diritto amministrativo.

Fai anche attenzione a cosa compri. Una rapida ricerca in rete mi fa ad esempio scoprire:

  • Un seminario per superare il colloquio per navigator. Ma le ultime notizie sono che non ci sarà nessun colloquio di selezione, solo un test psicoattitudinale e un test sulla normativa relativa alle politiche attive del lavoro
  • Un corso a distanza sulla didattica orientativa venduto come ‘preparazione di base per i navigator’. La didattica orientativa è una cosa da insegnanti, non è chiara (almeno a me) l’utilità di un corso di questo tipo per chi dovrà orientare disoccupati adulti

CONCLUSIONE 5: NON ACQUISTARE CORSI PER NAVIGATOR A OCCHI CHIUSI.

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

 

Come formarsi per lavorare come Navigator

Vedi anche gli ultimi aggiornamenti.

Sei arrivato a questa pagina perché sei interessato alla formazione per navigator.

Innanzitutto ti dico due parole su di me:

 

io sono uno psicologo del lavoro che da 15 anni forma operatori impegnati nel sostegno a disoccupati in cerca di lavoro, come sarà il navigator. A oggi ho formato 3.000 operatori. Sono stato intervistato da

 

Il navigator è quell’operatore che presso i centri per l’impiego ma anche presso agenzie private accreditate si occuperà di assistere nella loro ricerca di lavoro i beneficiari del reddito di cittadinanza, in particolare quella parte dei beneficiari del reddito di cittadinanza che sono immediatamente o quasi immediatamente impiegabili. I beneficiari poco o per niente impiegabili saranno probabilmente presi in carico dai servizi sociali dei comuni.

Circa 6.000 navigator saranno assunti da ANPAL Servizi, un’agenzia controllata dal Ministero del lavoro, e distribuiti presso i centri per l’impiego italiani; altri 4.000 saranno assunti dalle regioni italiane, altri ancora, in un numero non stimabile, da soggetti privati. ANPAL assumerà i navigator attraverso una procedura che prevede l’esame dei curricula e poi forse uno scritto o forse un orale, mentre le regioni faranno dei concorsi pubblici o utilizzeranno delle graduatorie di concorsi già esperiti.  Questo articolo riporta quello che so al momento della pubblicazione di  questo articolo sulla procedura seguita finora da ANPAL per l’assunzione. Come è scritto nell’articolo, sembra che per partecipare alla selezione ANPAL serviranno 2 o 4 anni di precedente esperienza nelle politiche attive del lavoro.

Come formarti per imparare a lavorare come orientatore / addetto politiche attive

Vedi la pagina dedicata a materiali gratuiti per lo svolgimento di attività di orientamento. Vedi il sito Consulenti di Carriera.

Altre informazioni sui navigator

Mi tengo costantemente informato sui navigator, e quello che so lo pubblico negli articoli contenuti in questo sito. Eccone alcuni:

  1. Fonte ANPAL: probabili criteri di valutazione dei curricula e temi dell’orale
  2. Arriva il reddito di cittadinanza (e il potenziamento dei servizi per il lavoro)
  3. La messa a regime del reddito di cittadinanza aumenta le possibilità di lavoro per gli operatori di orientamento
  4. Quali strategie per lavorare come Navigator sul reddito di cittadinanza
  5. Di Maio: I navigator (nei prossimi anni) saranno stabilizzati
  6. “I Navigator vanno formati, non li troviamo al supermercato. Rischio Tsunami sui centri per l’impiego”
  7. I navigator lavoreranno anche presso le agenzie accreditate
  8. Il Navigator per la gestione del reddito di cittadinanza
  9. 4.000 assunzioni per i centri per l’impiego
  10. App e psicologi per i nuovi centri per l’impiego
  11. Reddito di cittadinanza: cosa ne pensano le Regioni
  12. Psicologi e orientatori le figure più necessarie per i nuovi centri per l’impiego
  13. Possibilità formative per aspiranti operatori di orientamento

Per essere informato su tutti gli ultimi sviluppi relativi ai navigato puoi inserire la tua mail nella mia newsletter in fondo in fondo a questa pagina.

 

Per informazioni puoi scrivermi all’indirizzo l.evangelista chiocciolina orientamento.it, il mio cell. è *.384.640.194 (sostituisci un 3 all’asterisco).

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.