2.2. Le professioni maggiormente richieste dal mercato

Ovviamente se cerchi una professione per cui c’è molta richiesta da parte delle imprese trovare lavoro sarà più facile. Tieni presente che la richiesta di una determinata professione può essere diversa a seconda delle zone d’Italia (ad esempio in tutte le località turistiche c’è una richiesta elevata di personale nel settore alberghiero), a seconda dei periodi dell’anno (ad esempio nelle località marine la richiesta di personale nel settore alberghiero cresce nel periodo primavera-estate) o a seconda dell’andamento dell’economia (nei mesi in cui tutti gli hotel sono stati chiusi a causa del Coronavirus la richiesta di personale nel settore alberghiero è stata probabilmente pari a zero).

Parlando in generale, prima della crisi del Coronavirus, le professioni più richieste erano queste:

  • Lavori manuali: operaio, magazziniere, addetto pulizie
  • Lavori manuali a contenuto tecnico: addetto falegnameria, addetto elettrotecnico, addetto meccanico, addetto manutenzione, elettricista, saldatore, tornitore, fresatore, macchine CN, montatore meccanico (anche trasfertista)
  • Cucina e ristorazione: cuoco, aiuto cuoco, pasticcere, fornaio, pizzaiolo, macellaio, cameriere, barista, lavapiatti
  • Area medico sociale: badante, operatore socioassistenziale, medico, infermiere, terapista riabilitazione, assistente sociale
  • Area informatica: programmatore, tecnico di reti, elettronica, meccatronica, etc.
  • Professioni che richiedono una laurea scientifica: ingegnere, chimico, farmacista, ingegnere gestionale, ingegnere biomedico, etc.
  • Vendite e contabilità: venditori, customer care estero, contabile esperto.

Il mio suggerimento è: fra tutte le professioni maggiormente richieste dal mercato, scegli quella maggiormente coerente con le tue capacità e aspirazioni.

Scegli una professione in cui è difficile trovare lavoro (giornalista, professioni in ambito danza, sport, recitazione, musica, etc.) solo se:

  • ti piace veramente molto,
  • sei eccezionalmente portato e
  • c’è qualcuno che può mantenerti per lunghi periodi di lavoro volontario o precario in genere necessari prima di affermarsi in professioni in cui è difficile trovare lavoro.

Per essere informato sui cambiamenti nella richiesta di professioni ci sono varie fonti, anche se purtroppo sono rivolte a specialisti e non sono facili da capire. Comunque ecco un elenco:

La ricerca di lavoro è un continuo bussare a porte diverse, e durante la ricerca a volte ci si rende conto che con la preparazione acquisita è possibile svolgere anche professioni diverse da quelle inizialmente desiderate.

  • La professione obiettivo iniziale può anche essere cambiata,ma in ogni devi avere una professione obiettivo, perché senza professione obiettivo non puoi fare autovalorizzazione né impostare una ricerca di lavoro efficace.

…………………………………………….

  • Commenta questo articolo nello spazio Scrivi cosa ne pensi in fondo alla pagina
  • Leggi il capitolo successivo (da inserire)
  • Vai all’indice
  • Chiedimi una consulenza sulla tua ricerca di lavoro

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

2.1. Trovare lavoro: devi avere un obiettivo

Se non ti accontenti di un lavoro qualsiasi, e vuoi fare una ricerca di lavoro e una autovalorizzazione efficace, devi sapere quale lavoro vorresti svolgere, cioè avere in mente una professione obiettivo.

  • Può trattarsi di una professione obiettivo ben definita (“Voglio fare la guida turistica”) o ancora generica (“Voglio lavorare nel turismo”), ma devi averla.

Perché devi avere in mente una professione obiettivo?

  • Perché arrivare a un livello di conoscenze teoriche o pratiche significative (che ti faccia cioè preferire agli altri candidati)richiede un impegno continuato nel tempo in una direzione precisa. Non basta di solito leggersi un solo libro, o per esempio praticare inglese per 1 mese.
  • Perché per condurre una ricerca di lavoro efficace devi sapere quali sono i datori di lavoro da contattare e personalizzare i tuoi strumenti di ricerca (curriculum, messaggio di accompagnamento al curriculum).

Se non sai esattamente che lavoro vorresti svolgere, rischi di fare una ricerca e una autovalorizzazione dispersiva, e non ottenere alcun risultato. È lo stesso nello sport. Ogni disciplina richiede tecniche e modalità di allenamento specifiche. Se non scegli uno sport, come fai ad allenarti? Ogni sport richiede tecniche di allenamento diverse.

Se ce l’hai ancora, come scegliere una professione obiettivo?

  • Devi scegliere una professione richiesta dal mercato e coerente con le tue capacità e aspirazioni, e in cui puoi acquisire, anche in autonomia, una preparazione migliore di quella degli altri candidati.

In genere puoi imparare e riuscire meglio nelle professioni che sono:

  1. Coerenti con i tuoi valori e i tuoi interessi professionali (cioè nelle professioni che ti attirano)
  2. Coerenti con le tue conoscenze e capacità tecniche. Puoi anche decidere di cercare un lavoro diverso da quello in cui hai già acquisito conoscenze e capacità tecniche significative, ma in questo caso devi essere cosciente che il tempo necessario per diventare competitivo sarà più lungo.
  3. Coerenti con le tue capacità trasferibili maggiorenne sviluppate. Le capacità trasferibili sono quelle caratteristiche personali che non hanno contenuto tecnico, ad esempio facilità di interazione con gli altri (utile ad esempio per vendere, insegnare, consigliare, recitare, gestire collaboratori, etc.), facilità nell’acquisizione, manipolazione e comunicazione di informazioni, dati, idee (utile ad esempio per imparare cose complesse, lavorare con i numeri, programmare, scrivere, fare ricerche, fare diagnosi, prendere decisioni, creare opere d’arte), caratteristiche fisiche (sensi acuti, corpo forte o agile, buona presenza, rapidità e destrezza manuale, etc,)
  4. Compatibili con i tuoi vincoli personali e professionali.

…………………………………………….

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.7. Come migliorare la tua preparazione in un ambiente ostile

Una delle strategie migliori per trovare più facilmente lavoro è acquisire conoscenze e capacità tecniche per il lavoro che vorresti svolgere superiori a quelle degli altri candidati.

La gran parte delle persone in cerca di lavoro non si preoccupa di migliorare costantemente le proprie conoscenze e capacità tecniche. Una volta ottenuto un diploma o una laurea smettono di imparare.

  • Quanti diplomati del tecnico commerciale o dei professionali per il commercio alla ricerca di lavoro pensi siano informati sulle novità fiscali introdotte dall’ultima Legge Finanziaria? Quanti neolaureati pensi parlino correttamente inglese?

A questo punto c’è sempre qualcuno che esce fuori dicendo: “Io ho già finito la scuola/l’università. Come faccio a continuare a imparare?” Oppure: “Ma come faccio a imparare se nessuno mi fa lavorare?” Ma queste obiezioni, molto comuni, si basano sul pregiudizio che gli unici modi per imparare siano andare a scuola/ all’università o farsi assumere.

Perché è un pregiudizio? Perché se ti guardi intorno ti rendi conto che sei circondato da decine persone che hanno imparato le cose più diverse al di fuori dalla scuola o da un rapporto di lavoro dipendente.

  • Quanti dei tuoi amici sanno suonare uno strumento musicale senza aver frequentato il conservatorio? Quanti conoscono programmi di informatica che non hanno studiato a scuola? Quanti hanno imparato in autonomia, per volontà o necessità personale, a riparare elettrodomestici, fare lavori in muratura, parlare una lingua, assistere un malato, praticare uno sport?

Se non trovi datori di lavoro che ti insegnano, e se non hai più l’età, il tempo o la voglia per andare a scuola o all’università, devi imparare in autonomia.

Chiamo autovalorizzazione imparare qualcosa per scelta personale, al di fuori di un rapporto di lavoro o di un corso di studi regolare.

  • L’autovalorizzazione è importante per tutti: per chi è alla ricerca del primo lavoro, per chi manca dal lavoro da molto tempo, ma anche per chi vuole farsi assumere con contratti stabili e continuativi (le imprese assumono a tempo indeterminato solo i collaboratori di cui non possono fare a meno).
  • Per chi è alla ricerca del primo impiego, l’autovalorizzazione permette di riempire il curriculum.
  • In alcuni casi l’autovalorizzazione permette di ridurre l’importanza di alcune caratteristiche personali che non puoi modificare e che il datore di lavoro valuta come un handicap (genere maschile o femminile, età, determinate caratteristiche fisiche…). Esempio: ti presenti per un lavoro per cui preferiscono una persona più giovane di te (oppure: sei una donna e ti presenti per un lavoro per cui preferiscono un uomo) ma ti assumono lo stesso perché la tua preparazione supera di molto quella degli altri candidati.

Mentre impostare bene la tua ricerca di lavoro richiede solo qualche giorno (capitolo 1.2. Quanti contatti ogni mese?), migliorare le tue conoscenze e capacità tecniche richiede tempi più lunghi, da qualche mese a più di un anno.

  • E tuttavia per trovare facilmente lavoro devi agire in tutte e due le direzioni: è inutile cercare correttamente lavoro se non hai la preparazione richiesta per la professione che stai cercando, ed è inutile avere la preparazione richiesta se non lo fai sapere a tutti i possibili datori di lavoro.

In quali modi è possibile fare autovalorizzazione? Provo a elencare alcune possibilità:

  • Tirocinio presso artigiani, imprese o studi professionali.Se il tuo valore sul mercato è scarso, e la tua ricerca di lavoro non ha dato risultati, puoi proporti alle aziende per lo svolgimento di un tirocinio. In alcuni casi, pur di imparare, puoi decidere anche di lavorare al nero, senza retribuzione o con una retribuzione simbolica, a patto, naturalmente, che impari effettivamente qualcosa; se decidi di lavorare al nero, evita i lavori pericolosi. Per maggiori informazioni sui tirocini puoi rivolgerti al Centro per l’impiego della tua zona.
  • Volontariato. Esistono associazioni di volontariato nei settori più diversi (bambini, anziani, ammalati, immigrati, ambiente, cultura, sessualità, tossicodipendenza, religione, attività ricreative, etc.) che cercano volontari per attività di tutti i tipi. Scegli un’attività che è coerente col tuo obiettivo professionale. Se vuoi per esempio diventare contabile, alla Croce Rossa non fare il barelliere, tieni piuttosto l’amministrazione. Se vuoi lavorare come formatore, cerca un’associazione che organizza corsi di formazione. Se vuoi migliorare una lingua, fai volontariato all’estero, etc. In tutte le Regioni esiste un albo a cui devono essere iscritte tutte le associazioni che fanno volontariato, cercalo su internet. Puoi anche chiedere in Parrocchia o in Comune.
  • Hobbies. Se per esempio sei appassionato di motocross, puoi acquisire una preparazione adatta per lavorare in una concessionaria o presso un autoriparatore. Se sei un appassionato d’arte, puoi trovare lavoro presso un antiquario o una casa d’aste; se pratichi uno sport a buon livello, puoi lavorare come animatore turistico o istruttore in palestra. Su internet esistono anche molte comunità professionali, cioè gruppi di persone che si scambiano informazioni e consigli su temi di loro interesse utilizzando siti web, forum di discussione, mailing list. Li trovi utilizzando i motori di ricerca.
  • Contenuti su Internet. Internet contiene tantissime informazioni, sui temi più diversi. Utilizzando i motori di ricerca puoi trovare informazioni e contenuti sui temi che desideri imparare. Su Youtube, oltre a video informativi, trovi un gran numero di video che ti mostrano come fare qualcosa in pratica.
  • Corsi di formazione in aula o a distanza.Permettono di acquisire una preparazione sia teorica che pratica; quelli in aula spesso prevedono tirocini in azienda. Purtroppo non tutti sono di buona qualità. Per maggiori informazioni sui corsi di formazione in aula finanziati con fondi pubblici (e perciò gratuiti) puoi rivolgerti al Centro per l’impiego della tua zona e/o cercare su internet. Ci sono molti siti che offrono corsi di formazione a distanza, ad esempio Progetto Trio della Regione Toscana. Trovi corsi universitari gratuiti sui siti di molte università, ad esempio in Italia vedi quelli dell’Università Federico II. Trovi quelli delle università straniere utilizzando come chiave di ricerca MOOC corses.

Se decidi di fare autovalorizzazione, stai attento alle vitamine.

  • Tu infatti hai bisogno di imparare non cose “che forse ti possono servire a migliorare il tuo valore sul mercato”, ma cose che, una volta imparate“migliorano effettivamente, in maniera determinante, il tuo valore sul mercato”. Ti servono perciò non vitamine (si prendono perché “tanto non fanno male”, ma il loro effetto non è evidente), ma antibiotici (fanno la differenza, li prendi e ti passa la malattia).
  • Se hai intenzione di praticare strategie di autovalorizzazione, devi prima chiederti, fra tutte le cose che puoi imparare, quelle che aumenteranno maggiormente il tuo valore sul mercato.

Mentre fai autovalorizzazione, continua pure a cercare lavoro, contattando più datori di lavoro possibile. Il modo migliore di imparare è infatti imparare mentre si lavora, e, anche se è difficile, ogni tanto qualcuno riesce a farsi assumere e farsi insegnare un mestiere sul lavoro.

…………………………………..

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.6. Cosa offri quando cerchi lavoro?

Cosa offri quando cerchi lavoro? Ci sono tre diverse strategie; le indico con le frasi che si usano di solito per ciascuna di esse:

1. “Cerco lavoro…” Cerchi cioè un lavoro qualsiasi, e ti presenti senza valorizzare le tue capacità e conoscenze. Cosa offri in pratica? Due braccia, in senso reale o metaforico. Quanti concorrenti hai? Tutte le migliaia di persone che utilizzano questo approccio. Funziona soprattutto per lavori dequalificati e/o per lavori pesanti che pochi vogliono fare.

• 2. “Sono uno specialista in… Cerco lavoro come…”. Qui offri un saper fare specifico. Quanti concorrenti hai? Un numero molto minore, a seconda del tuo livello di specializzazione. Oggigiorno purtroppo il solo titolo di studio o una preparazione poco approfondita non sono più sufficienti per adottare questa strategia (con un titolo o una preparazione poco approfondita rischi di continuare a offrire solo due braccia). Per diventare un vero specialista oggi devi autovalorizzarti (vedi uno dei prossimi capitoli).

• 3. “Ho un progetto/un’idea di cui vorrei parlare con lei…”. Qui offri un progetto specifico. Grazie alla tua specializzazione, hai individuato una possibilità di ampliare o migliorare le attività del tuo possibile datore di lavoro, e gliela presenti. Concorrenti: se non ci ha già pensato qualcun altro, nessuno. Va molto bene, purché l’idea sia valida e il tuo interlocutore sia quello giusto. Molto efficace, anche se per specialisti, perché non è facile suggerire qualcosa di sensato a chi già opera in un certo settore. Un approccio di questo tipo può anche essere utile per differenziarti da tutti gli altri candidati e arrivare a un contatto diretto (es.: sei un agrotecnico, hai studiato tutto su una nuova varietà di piante e ne proponi la coltivazione a un’azienda florovivaistica; non se ne fa di niente, ma in questo modo sei riuscito a parlare direttamente col titolare che alla fine ti propone una collaborazione perché è rimasto ben impressionato dalla tua preparazione), oppure, se decidi di sfruttare la tua idea direttamente, per metterti in proprio. Attenzione a non presentare una proposta troppo dettagliata che il datore di lavoro possa utilizzare senza la tua collaborazione rubandoti l’idea.

La strategia 1 va bene per farti un po’ di soldi, se esempio sei giovane e non hai grandi necessità di reddito. Va meno bene quando le tue esigenze di reddito crescono o le tue condizioni di salute non ti permettono di fare lavori pesanti. In questi casi sarai costretto ad accettare una vita di ristrettezze e/o precariato oppure seguire le strategie 2 e 3.

Se vuoi seguire la strategia 1 (se ti va bene cioè accettare qualunque lavoro) devi solo contattare più datori di lavoro possibile utilizzando i vari canali di ricerca, come già spiegato al capitolo 1.2. Quanti contatti ogni mese?).

In che modo invece seguire la strategia 2?

I datori di lavoro privati (aziende, studi professionali, società di servizi, etc.) che vogliono assumere un dipendente possono cercare:

  • qualcuno che sa già fare un mestiere (vantaggi: il nuovo assunto non ha bisogno di un periodo di formazione, può portare in azienda un nuovo patrimonio di conoscenze; svantaggi: chiederà uno stipendio più alto, può pretendere di continuare a lavorare coi propri metodi) oppure
  • qualcuno che può imparare rapidamente un mestiere (vantaggi: il nuovo assunto costa meno, impara i metodi seguiti in azienda; svantaggi: ha bisogno di un periodo di formazione).

Nel primo caso sarà assunto, a parità di altre condizioni (età, genere maschile o femminile, pretese retributive, abilità sociali, etc.) il candidato con le maggiori capacità tecniche. La variabile fondamentale è in questo caso sono le capacità tecniche, sviluppate con l’esperienza.

Nel secondo caso, sarà assunto, a parità di altre condizioni, il candidato che ha le maggiori conoscenze teoriche richieste da quella determinata mansione, perché il possesso di una preparazione teorica accorcia i tempi di apprendimento, e questo significa un risparmio per il datore di lavoro. Per fare un esempio, se un commercialista ha bisogno di un aiuto contabile, preferirà una persona che ha un diploma in discipline aziendali (istituto tecnico commerciale o istituto professionale per il commercio), e fra tutti i diplomati in discipline aziendali, quelli che conoscono meglio la materia. La variabile fondamentale è in questo caso la preparazione teorica.

In conclusione, se vuoi aumentare le tue possibilità di trovare lavoro presentandoti come uno specialista (strategia 2) devi migliorare le tue conoscenze tecniche e/o le tue capacità tecniche.

…………………………………..

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.4. Cercare lavoro è come farsi i muscoli o perdere peso andando in palestra: devi fare migliaia di esercizi (purtroppo)

Se vuoi sviluppare i pettorali, farti gli addominali a tartaruga oppure appiattire la pancia devi purtroppo andare in palestra almeno due volte alla settimana per almeno 6 mesi e fare ogni volta varie decine di esercizi; raggiungerai l’obiettivo desiderato solo se in totale arrivi a ripetere gli stessi esercizi migliaia di volte.

Purtroppo per trovare lavoro devi comportarti allo stesso modo: contattare ogni settimana decine di possibili datori di lavoro, per mesi.

Nella mia esperienza, mediamente per trovare lavoro è necessario rispondere ad almeno 200 inserzioni o fare almeno 3.000 autocandidature, passaparola con 300 persone o sostenere almeno 30 colloqui.

Cosa ne pensi? E’ un bel problema? A chi lo dici! I miei clienti vengono da me mi pagano per essere aiutati a trovare lavoro e io li devo convincere a fare almeno 3000 autocandidature. Non sai la fatica (mia e loro).

Mi trovo nelle stesse condizioni di un personal trainer / istruttore di palestra: se il suo cliente in palestra non fa almeno 30 addominali al giorno tutti i giorni per 6 mesi che gli venga la tartaruga è impossibile. E gli esercizi (cioè la ricerca di lavoro) non posso farli io per lui / lei.

Se il lavoro che cerchi è coerente con le tue caratteristiche, se fai una ricerca di lavoro efficace e se cerchi lavoro in un settore /area geografica dove c’è richiesta puoi trovare lavoro anche con numeri minori, spero che questo sia il tuo caso, ma è difficile dirlo a priori.

…………………………………………….

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.3. Cercare lavoro è come giocare a calcio: la gran parte delle azioni non va a goal (purtroppo)

Giocare a calcio e cercare lavoro hanno un importante punto in comune: in entrambe le attività la gran parte delle azioni non porta risultati. Per fare 1 goal ci vogliono mediamente circa 200 azioni, per trovare un lavoro moltissimi contatti. Per ottenere risultati è necessario persistere. Una squadra che rinuncia ad attaccare molto difficilmente farà goal. E ugualmente se rinunci a una ricerca sistematica difficilmente troverai lavoro.

La gran parte delle azioni di una partita non va a goal, però se i giocatori non cercassero per tutta la partita di fare goal, i goal non arriverebbero. Perciò ogni squadra, se vuole vincere, cerca di fare molte azioni sperando che almeno una arrivi al goal. Qualche volta i goal arrivano nei primi minuti di gioco, ma anche purtroppo nella seconda metà del secondo tempo o addirittura allo scadere del novantesimo minuto. Le squadre che continuano ad attaccare hanno più probabilità di vittoria.

I goal arrivano anche a causa di eventi fortuiti (ad esempio un rimbalzo inaspettato o una distrazione del portiere o di un difensore) tuttavia ci sono anche delle attività specifiche che aiutano a fare goal e che ogni squadra si impegna a fare.

Aumentano ad esempio le probabilità di fare goal:

1. Portare e tenere il più possibile la palla nella metà campo avversaria
2. Portare un numero sufficiente di giocatori nella metà campo avversaria
3. Far sì che i propri giocatori siano in superiorità numerica nella metà campo avversaria
4. Disporre alcuni dei propri giocatori in buona posizione di tiro
5. Far arrivare la palla ai propri giocatori che sono davanti alla porta avversaria
6. Evitare di far finire i propri giocatori in fuorigioco
7. Fare molti tiri in porta
8. Fare tiri in porta sul lato o angolo più distante dal portiere

In media in ogni partita ogni squadra fa circa 200 azioni, di queste, solo 1 o 2 arrivano a goal.

La ricerca di lavoro ha molti aspetti simili al calcio. Innanzitutto, la gran parte delle azioni di ricerca di lavoro non dà risultati, colleziona solo dei no oppure addirittura nessuna risposta.

Anche trovare lavoro dipende da eventi fortuiti, tuttavia, anche nella ricerca di lavoro ci sono vari modi di aiutare la fortuna. Provo ad elencare i principali:

1. Cercare un lavoro adeguato alle tue caratteristiche. Questo corrisponde, nel calcio, ad assegnare a ogni giocatore ruoli di gioco coerenti con la sua conformazione fisica
2. Migliorare costantemente le tue capacità frequentando corsi di formazione (lingue, informatica, cose più specifiche legate al lavoro cercato) o facendo tirocini. Questo corrisponde, nel calcio, ad allenarsi per avere una buona forma fisica
3. Monitorare le offerte di lavoro veicolate dagli intermediari (Centro impiego e Agenzie per il lavoro)
4. Contattare molti datori di lavoro facendo autocandidature
5. Segnalare la tua disponibilità alle agenzie per il lavoro
6. Mettere a punto un profilo LinkedIn adeguato
7. Mettere a punto un CV adeguato
8. Fare simulazioni di colloqui di selezione.

Monitorare le offerte di lavoro, contattare molti datori di lavoro con autocandidature, segnalare la propria disponibilità alle Agenzie per il lavoro, migliorare le proprie capacità, sono tutte azioni che vanno fatte continuativamente. Una squadra che va in attacco 3 o 4 volte all’inizio della partita e poi si ferma molto difficilmente arriverà a fare goal. E ugualmente se inizi la tua ricerca di lavoro con un buon numero di contatti ma poi lasci perdere troverai lavoro con difficoltà.

Quanti contatti è necessario fare per trovare un lavoro? Il numero dipende ovviamente dalla tua flessibilità, dalle cose che sai fare, dalla qualità degli strumenti e delle azioni della tua ricerca. Io ho qualche dato a riguardo, te lo dico nel prossimo capitolo.

…………………………………………….

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.2. Quanti contatti ogni mese?

Se vuoi trovare lavoro, una cosa fondamentale è contattare ogni settimana un numero elevato di possibili datori di lavoro. Perché il numero dei contatti è essenziale?

Scusa l’esempio, ma è come a 18 anni cercare una ragazza (o un ragazzo). Se non vai in discoteca, non sei sui social e non ti fai vedere in giro è difficile che qualcuna si accorga di te.

E anche i venditori sanno che il volume delle vendite dipende dal numero di possibili clienti contattati. Nell’ambiente delle vendite si dice che Più contatti più contratti.

Questo come puoi immaginare vale anche nella ricerca di lavoro: se tutti i datori di lavoro che cercano dipendenti si rivolgessero al Centro per l’impiego (d’ora in poi abbrevio il nome in CPI) o alle Agenzie per il lavoro (d’ora in poi abbreviato in APL), una volta che hai inserito il tuo curriculum nel database del CPI o delle APL non ci sarebbe bisogno di metterti a cercare lavoro, perché se un datore di lavoro cerca una persona con le tue caratteristiche esce fuori il tuo curriculum, il CPI o l’APL trasmette i tuoi dati al datore di lavoro e lui ti chiama per un colloquio. Purtroppo varie ricerche ci dicono che CPI e APL nel settore privato intermediano mediamente solo il 30% delle assunzioni, perciò, oltre a registrarti al CPI e presso le APL della tua zona, e guardare tutte le settimane se sui loro siti ci sono offerte di lavoro interessanti devi utilizzare anche altri canali.

I datori di lavoro trovano dipendenti e collaboratori soprattutto tramite:

  • il passaparola: chiedono cioè a conoscenti e dipendenti se conoscono persone interessate a lavorare presso la propria impresa;
  • le autocandidature per posta elettronica, LinkedIn, sito aziendale, telefono o di persona: prendono in considerazione le richieste di lavoro arrivate per posta elettronica, via LinkedIn, tramite inserimento dei propri dati sul sito aziendale nella sezione ‘Lavora non noi’, per telefono, o da persone che si sono presentate direttamente alla porta dell’azienda o dello studio;
  • i tirocini e il lavoro interinale: assumono persone che hanno lavorato in precedenza presso la propria impresa tramite un tirocinio o un contratto di lavoro interinale.

Se vuoi migliorare le tue possibilità di trovare lavoro devi perciò, oltre a contattare tutti gli intermediari (CPI e Agenzie per il lavoro, il 30% delle assunzioni viene comunque fatta tramite loro), utilizzare anche altri sistemi: fare passaparola, presentare autocandidature, proporti per un tirocinio. L’uso dei diversi canali è spiegato in dettaglio nella sezione tre di questa Guida.

In una situazione come questa, se hai i requisiti richiesti, la tua possibilità di trovare lavoro è direttamente proporzionale al numero di possibili datori di lavoro e di intermediari contattati.

Ad esempio se stai cercando lavoro da un commercialista, e nella tua città ce ne sono 50, l’unico modo per individuare quelli che stanno cercando dipendenti e far sapere che stai cercando lavoro è contattarli direttamente tutti e 50. Ecco perché per il lavoro vale così la regola aurea dei venditori: “Più contatti più contratti”.

Tutto questo può essere molto stancante ma, se non vuoi o non puoi affidarti a fortuna e raccomandazioni non ci sono alternative. E’ per questo motivo che si dice che cercare lavoro è un lavoro. La ricerca di lavoro è cioè un’attività che, per ottenere risultati, va svolta a tempo pieno, o perlomeno in maniera sistematica e continuata.

La gran parte delle persone in cerca di lavoro non ha chiara questa relazione, e arriva a contattare solo una percentuale minima di tutti i possibili datori di lavoro nel settore desiderato.

A questo punto, se anche tu hai intenzione di avviare una ricerca di lavoro, quanti datori di lavoro vuoi contattare ogni mese? 5 o 50?

Se invece hai già avviato la tua ricerca di lavoro, prova a calcolare quanti possibili datori di lavoro hai contattato nell’ultimo mese.

Se sei sui 4/5, pensa a quanto tempo è necessario per contattare 5 possibili datori di lavoro (in qualunque modo: posta elettronica, LinkedIn, autocandidatura sul sito aziendale, telefono, porta a porta…); 1 giorno ti basta?

Se è così, stai cercando lavoro 1 giorno al mese, cioè 12 giorni all’anno. Se continui così che risultato puoi aspettarti? Mettiti nei panni del titolare di un’azienda che ha una rete di venditori. Terresti come dipendente un venditore che contatta solo 5 possibili clienti al mese?

Molte persone cercano lavoro a ritmi così blandi, perché non si rendono conto di come funziona il mercato del lavoro, perché non sanno impostare correttamente la loro ricerca o perché sono scoraggiati. Per fortuna, capire come funziona il mercato del lavoro e reimpostare correttamente la propria ricerca richiede pochissimo tempo. Bastano pochi giorni, dopo aver letto questa Guida. Per quel che riguarda invece lo scoraggiamento, vedi la sezione tre della Guida.

…………………………………..

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

1.1. Trovare lavoro. Ma dipende davvero da te?

 

Perché sei ancora disoccupato? Inizia la lettura della guida compilando la prima scheda di autovalutazione

…………………………………..

Da cosa dipende, per la singola persona (cioè per te), la possibilità di trovare lavoro?

Lascia da parte le cose su cui NON PUOI fare niente: l’andamento dell’economia, le raccomandazioni (se stai leggendo questa Guida, probabilmente non le hai), la fortuna, essere uomo o donna, le tue condizioni di salute, la tua età……

Lascia da parte anche (se è il tuo caso) le cose su cui NON VUOI fare niente: la tua mancata disponibilità a lavorare nei festivi, ad accettare lavori a termine, a spostarti oltre una certa distanza. Se un giorno ti stanchi di essere disoccupato puoi sempre modificare le tue preferenze.

La tua possibilità di trovare lavoro dipende da due cose:

  1. Da come stai facendo ricerca di lavoro
  2. Dalle cose che sai o che sai fare.

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

L’ecografista e il formatore

È assai difficile, per un non addetto ai lavori, capire quale parte del corpo venga ripresa con una ecografia, e assolutamente impossibile capire se c’è una condizione patologica. Eppure individuazione degli organi e diagnosi sono in genere assai facili per gli ecografisti.

Il motivo è che gli ecografisti hanno dei modelli (in questo caso visivi) memorizzati nella propria mente: una determinata configurazione ideale di contorni e chiaroscuri indica un determinato organo, e determinati chiaroscuri al suo interno indicano specifiche condizioni patologiche.

Durante l’ecografia, il medico ecografista va in cerca e cerca di riconoscere i modelli e le configurazioni che ha memorizzati.

Lo stesso meccanismo opera in tutte quelle professioni dove sia necessario diagnosticare.

Ad esempio nella consulenza di carriera l’operatore fa una diagnosi del problema e un’analisi dell’impiegabilità del cliente.

Se non avesse modelli mentali di riferimento, il lavoro del consulente di carriera sarebbe assai più lungo e assai meno efficace.

La formazione, per essere efficace, deve innanzitutto fornire agli operatori modelli da utilizzare nella propria pratica. Stare in aula a sedere ad ascoltare qualcuno che parla di per sé non è abbastanza.

L’operatore riflessivo può anche elaborare dei modelli da solo, ma il processo richiede molto più tempo che seguire un programma di formazione. Prova a pensare a un ecografista costretto a sviluppare modelli mentali di organi e relative patologie esclusivamente dalla propria esperienza.

Nella consulenza di carriera i modelli mentali da sviluppare sono in numero più limitato e più semplici di quelli degli ecografisti, ma seguire una formazione efficace fa ugualmente la differenza.

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.

L’importanza di ascoltare anche la pancia del cliente

Come consulenti di carriera lavoriamo con i nostri utenti per aiutarli a identificare le proprie capacità e aspirazioni, e su queste basi fare scelte di carriera. Possiamo lavorare solo facendo le domande giuste, oppure anche con schede come quelle che distribuisco nei miei corsi di formazione.

Durante i vari colloqui il cliente ci ha descritto i propri valori e i propri interessi professionali, e a partire da queste informazioni lo abbiamo aiutato a definire un obiettivo e un piano d’azione per raggiungerlo.

A volte però la sua comunicazione non verbale o i suoi comportamenti ci fanno capire che non è convinto.

In questi casi, invece di ignorare questi segnali e spingerlo a mettere comunque in atto quello che ci ha detto, dobbiamo tornare alla fase di esplorazione e di ascolto, e fargli esprimere quelle sensazioni che finora sono rimaste ‘di pancia’.

Da un certo punto di vista il nostro lavoro consiste nel dar voce (anche) alla pancia e ascoltare tutto quello che ha da dirci.

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. Leggi Informativa privacy, cookie policy e copyright.