Formazione 2015 con Leonardo Evangelista

Settembre: regalati un corso di formazione in Orientamento o Europrogettazione

Per aprirti nuovi orizzonti o migliorare la tua professionalità puoi frequentare uno dei miei due corsi:

  • Corso operativo in Europrogettazione. Un gioiello, ci ho lavorato tutta l’estate. Il corso è fruibile in aula e a distanza e prevede la messa a punto di un progetto europeo da presentare su una prossima scadenza. In aula il corso si svolge a Milano in 3 sabati,  24 ottobre, 7 e 21 novembre 2015, in modo da dare tempo per la scrittura del progetto.

Informazioni e iscrizioni dalle pagine che parlano dei corsi.

Nuova pubblicazione: Buone pratiche nell’orientamento dei NEET a livello europeo

Pilot outreach and awareness raising activities on the Youth Guarantee have been developed by the European Commission in Finland, Latvia, Portugal and Romania, in close cooperation with national authorities. The goal is to encourage young people to register with their local Youth Guarantee providers. The concept, products and visuals from this pilot have been put at disposal of authorities in EU Member States who wish to use it further as an electronic toolkit, where information and source files can be foun

Sorgente: CIRCABC – Toolkit – Youth Guarantee: three steps to finding a job

Gruppi di autoaiuto fra persone in cerca di occupazione

Un’esperienza di gruppi di autoaiuto fra persone in cerca di occupazione

Accompagnare chi ha perso il lavoro significa anzitutto ascoltare e dare coraggio, anche con la propria testimonianza; un mondo delle politiche attive che nella corsa a proporre “azioni”, spesso scoordinate, sembra aver rimosso la cultura della presa in carico vera, che parte dalla relazione con chi in qualche modo vive un lutto; la schizofrenia di un sistema in cui i centri per l’impiego non hanno rapporti con le aziende. Intervista a Paola Fontana, Alida Franceschina, Sergio Bevilacqua

Paola Fontana, ex dipendente della sede di Pregnana Milanese di Agile-ex Eutelia, oggi è coordinatrice di un progetto sperimentale nell’ambito delle politiche attive del lavoro, che prevede la creazione di gruppi di auto aiuto tra persone senza occupazione. Alida Franceschina svolge attività di counseling individuale e di formazione collettiva, spe- cializzata nel sostegno alla ridefinizione di progetti professionali femminili. Sergio Bevilacqua, consulente di direzione, è esperto di cambiamento organizzativo, di gestione dei conflitti nelle organizzazioni e di politi- che attive del lavoro.

Oggi fai la “facilitatrice” in alcuni gruppi di auto aiuto per persone senza lavoro, dopo essere passata anche tu per la stessa esperienza. Puoi raccontare?

Paola. Ho avuto una vita lavorativa stabile, fin troppo, fino al 2010; laureata in lingue, nel 1986 avevo cominciato a lavorare in un’azienda che allora si chiamava Honey- well Bull, ditta di computer poi diventata multinazionale francese, nel sito di ricerca e sviluppo di Pregnana Milanese. Ho co- minciato facendo traduzioni e localizzazioni di software dall’inglese all’italiano, poi sono passata a scrivere documentazione tecnica, fino a diventare responsabile di questo gruppo fino al 2003. Rimasta a casa per un anno in maternità, quando sono rientrata ho cambiato funzioni, ho fatto un po’ di marketing, attività commerciale e supporto tecnico alla vendita. È stata una vita lavorativa bella, in cui ho investito molto, ci te- nevo al mio lavoro, fino a che, nel 2006, la casa madre ha deciso di vendere la filiale italiana alla famiglia Landi, proprietaria e fondatrice di Eutelia, che qualche mese pri- ma aveva acquisito anche la Getronics Ita- lia. Da lì è cambiato tutto: banalmente sia- mo passati da una multinazionale a un’azienda padronale; ci siamo subito resi conto che non erano interessati a questo business. All’inizio non abbiamo reagito, anche perché c’era veramente un clima di terrore, provvedimenti disciplinari, lettere di richiamo, rappresentanti sindacali licenziati…

Prosegui la lettura (link a sito esterno).

 

ConvegnoUNESCO a Firenze Giugno 2015

UNESCO Chair on Lifelong Guidance and Counseling Conference in Florence 2015 / Convegno UNESCO a Firenze Giugno 2015

How can career and life designing interventions contribute to a fair and sustainable development and to the implementation of decent work over the world?

June 4 – 6, 2015 (PROVISIONAL PROGRAM)

Thursday, 4 June, 2015
8.30 – 9.00 Registration
9.00 – 9.30 Opening ceremony
Alberto Tesi, Rector of the University of Florence
Fabio Lucidi, President of the Italian Association of Psychology (AIP)
Paolo Federighi, Director of the Department of Education and Psychology, University of Florence
9.30 – 9.50 Introduction to the conference – Annamaria Di Fabio (University of Florence) &
Jean Guichard (Head of the UNESCO Chair, University of Wroclaw, Poland and CNAM, Paris, France)
10.00 – 10.45 Plenary conference – UNESCO representative
10-45 – 11.15 Coffee break
11.15 – 12.00 Plenary conference – Naren Prasad, Development Economist, Research Department, International Labor Organization (ILO), Geneva (CH)
Decent work, education, career and lifelong learning
12.00 – 12.30 Discussion
12.30 – 14.00 Lunch
14.00 – 15.30 Workshops line A: Training for practitioners, implement research and build up tools for a fair
and sustainable human development
14.00 – 15.30 Workshops line B: Training for practitioners, implement research and build up tools to develop decent work all over the world
15.30 – 16.00 Coffee break
16.00 – 17.30 Workshops line A and line B (continue)
17.30 – 18.30 Roundtable

Friday, 5 June 2015
9.00 – 9.45 Plenary conference – David Blustein, Lynch School of Education, Boston College (USA)
Which career and life designing interventions to develop decent work in a fair and sustainable world economy?
9.45 – 10.45 Workshops line A and line B (continue)
10.45 – 11.15 Coffee break
11.15 – 13.00 Workshops line A and line B (continue and finish)
13.00 – 14.00 Lunch
14.00 – 16.30 Reporters’ symposium: reporters of each workshop present their syntheses + exchanges with the audience
16.30 – 17. 00 General conclusions & Announcement of the next conference UNESCO in Wroclaw
Violetta Podgórna (University of Wroclaw, Poland), & Jean Guichard (Head of the UNESCO Chair,
University of Wroclaw, Poland and CNAM, Paris, France)
17.00 – 18.00 Coffee & refreshment
Saturday, 6 June 2015
9.00 – 10.30 Meeting of the International Research Group on Relationships with work
10.30 – 11.00 Coffee break
11.00 – 12.30 Meeting of the Chair Council and Meeting of the Chair Council with the enlarged UNITWIN

Aula Magna Rettorato, P.zza San Marco 4
Department of Education and Psychology, Via Laura 48,
University of Florence, Italy

To register, contact Annamaria Di Fabio (University of Florence, Italy)
Email: adifabio@psico.unifi.it
Scarica il modulo di iscrizione UNESCO.Chair

Topic

Early in the 20th century, when social workers and theoreticians formed the profession of vocational guidance, they debated the ultimate purpose of guidance or its “finality.” Of course they all agreed that the proximate goal was to help people find matching occupations or professions. But: what of the ultimate goal? Some professionals thought the ultimate goal was to contribute to the efficiency of an industrial economy. Nevertheless, most commentators concluded that the ultimate goal of vocational guidance was to contribute to the Progressive Movement in building societies that were both wealthier and more socially fair, not just efficient.
Vocational guidance has evolved during the 20th century in connection with the transformation of the work organizations and of the scientific approaches to human subjects. It now supports individuals who – as they work in flexible organizations and live in increasingly liquid societies – must think about designing their work paths and lives rather than just matching people to work functions or positions. But has its ultimate goal remained true to its Progressive goal? It is now critical that the profession revisits and further articulates the ultimate goal of career counselling. Do career interventions still pursue the finality of improving the common good of humanity? If so, how can career and life designing interventions contribute to the development of decent work in a sustainable and fair world economy? If the ultimate goal of life and career designing remains true to its roots, we must reaffirm its importance and advocate for its social value.

Organization

Several workshops will be held in parallel. Participants in these workshops will have three occasions throughout the conference to work together on one of the following topics:
o A. “Training for practitioners, implement research and build up tools for a fair and sustainable human development”;
o B. “Training for practitioners, implement research and build up tools to develop decent work all over the world”.
A moderator leads each workshop that includes also a reporter. The latter presents a summary of the works in the final session of the conference.
During these workshops, some participants may provide some short presentations contributing to the debate of the group.

………………………………………….

President of the UNESCO Chair Conference in Florence 2015: Jean Guichard (Head of the UNESCO CHAIR University of Wroclaw, Poland & CNAM, Paris, France) and Annamaria Di Fabio (University of Florence, Italy)
Scientific Committee: Gabriela Aisenson (University of Buenos-Aires, Argentina), Jean-Luc Bernaud (INETOP-CNAM, France), David Blustein (Lynch School, Boston College, USA), Valérie Cohen-Scali (Conservatoire National des Arts et Métiers, Paris, France), Jean Pierre Dauwalder (University of Lausanne, Switzerland), Christine Delory-Momberger (University Paris 13 Sorbonne Paris Cité, France), Annamaria Di Fabio (University of Florence, Italy), Violetta Drabik-Podgórna (Insitute of Pedagogy, University of Wroclaw, Poland), Maria Eduarda Duarte (Faculty of Psychology, University of Lisbon, Portugal), Geneviève Fournier (Centre de recherche et d’intervention sur l’éducation et la vie au travail – CRIEVAT, Université Laval, Québec, Canada), Paul Hartung (Northeast Ohio Medical University, USA), Christian Heslon (Catholic University of the West, Angers, France), Maureen Kenny (Dean of Lynch School, Boston College, USA), Jacobus Gideon (Kobus) Maree (University of Pretoria, South Africa), Mary McMahon (Queensland University of Technology, Australia), Issa Moumoula (University of Koudougou, Burkina Faso), Marek Podgórny (Insitute of Pedagogy, University of Wroclaw, Poland), Jacques Pouyaud (University of Bordeaux, France), Marcelo Ribeiro (University of San Paulo, Brazil), Mary Sue Richardson (New York University, USA), Jérôme Rossier (Institute of Psychology, University of Lausanne, Switzerland), Mark Savickas (Northeastern Ohio Medical University, USA), Guðbjörg Vilhjálmsdóttir (University of Iceland, Iceland), Richard Young (University of British Columbia, USA).
Presidents of the Organizing Committee: Annamaria Di Fabio (University of Florence, Italy) and Violetta Drabik-Podgórna (Insitute of Pedagogy, University of Wroclaw, Poland)
Organizing Committee: Ornella Bucci (University of Florence, Italy), Valérie Cohen-Scali (Conservatoire National des Arts et Métiers, Paris, France), Jean Pierre Dauwalder (University of Lausanne, Switzerland), Violetta Drabik-Podgórna (Insitute of Pedagogy, University of Wroclaw, Poland), Paolo Federighi (University of Florence, Italy), Giovanni Marocci (University of Florence, Italy), Letizia Palazzeschi (University of Florence, Italy), Marek Podgórny (Insitute of Pedagogy, University of Wroclaw, Poland), Jacques Pouyaud (University of Bordeaux, France).

COSA NON FA FUNZIONARE GARANZIA GIOVANI | WORK MAGAZINE

COSA NON FA FUNZIONARE GARANZIA GIOVANI

E’ evidente che qualcosa non funziona nel programma Garanzia giovani. I dati di monitoraggio chiariscono come un sistema che non ha servizi pubblici per il lavoro efficaci e funzionali e con servizi privati presenti in poche regioni e poco specializzati per l’accompagnamento al lavoro non riesce a gestire l’attivazione al lavoro. Servono al più presto interventi di riforma che cambino un modello che non ha funzionato e non può funzionare né sui giovani né sui disoccupati.

continua a leggere COSA NON FA FUNZIONARE GARANZIA GIOVANI | WORK MAGAZINE.

Pillole di saggezza per orientatori: atteggiamenti o comportamenti?

L’enfasi sugli atteggiamenti o sui comportamenti nelle nostre interazioni con gli utenti

Nel discutere casi orientativi o i comportamenti dei nostri utenti possiamo concentrarci sugli atteggiamenti o sui comportamenti. Così coi nostri utenti possiamo evidenziare che una ipotetica Franca o una partecipante al corso di orientamento sulle tecniche attive di ricerca di lavoro ha trovato  lavoro perché ‘E’ motivata’, ‘Ha un elevato senso di autoefficacia’, ‘Ha voglia di fare’ etc. (enfasi sugli atteggiamenti). Oppure possiamo dire che Franca ha trovato lavoro perché ‘Ha fatto molti contatti’, ‘Ha fatto bene il colloquio di selezione’ ‘Ha seguito un corso di formazione e così ha aumentato il proprio valore sul mercato’ (enfasi sui comportamenti).

Coi nostri colleghi è legittimo descrivere i nostri utenti anche in termini di motivazione, ma con gli utenti stessi l’enfasi sugli atteggiamenti può essere controproducente. Se il conduttore di un gruppo o un consulente in un colloquio si concentra sugli atteggiamenti di Franca (‘E’ motivata’, ‘Ha un alto senso di autoefficacia’) le persone che  sono in aula o a colloquio e hanno atteggiamenti di altro tipo (scarsa autoefficacia e scarsa motivazione) vedranno il comportamento di Franca come lontanissimo da loro (‘Fa così perché si sente motivata, beata lei, ma io non mi sento come lei, perciò non seguirò il suo comportamento’).

Gli atteggiamenti non si modificano prescrivendoli (‘Devi messere più motivato’, ‘Devi essere più ottimista’, etc.), ma concentrandosi sui comportamenti. ‘Come puoi vedere, Franca ha trovato lavoro perché ha fatto molti contatti e grazie alla formazione era più qualificata degli altri, dunque se vuoi trovare lavoro puoi fare come lei’. L’aumento della motivazione e del senso di autoefficacia si hanno in questo caso perché i nostri utenti si rendono conto che esistono strategie alla loro portata che permettono di modificare la propria condizione di disoccupati.

In sintesi, i nostri utenti si motivano perché si convincono dell’efficacia di determinati comportamenti, e non perché qualcuno gli parla dell’importanza di essere motivati (o di avere un locus of control interno, o un approccio ottimista alla vita).

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright

Indagine sui Servizi per l’impiego 2013

INDAGINE SUI SERVIZI PER L’IMPIEGO 2013. Rapporto di monitoraggio (Ministero del Lavoro)

Introduzione

Questo primo Rapporto sul “Monitoraggio dei servizi per l’impiego”, nasce dall’esigenza di
conoscere in dettaglio l’organizzazione e le risorse umane disponibili nei servizi pubblici per
l’impiego (SPI), nonché gli utenti dei servizi al fine di disegnare strategie di intervento finalizzate
a rendere più efficiente il funzionamento degli SPI e ad assicurare standard comuni nella
fornitura di servizi agli utenti.
Questa prima rilevazione, effettuata in stretta collaborazione con Regioni e Province e svolta avvalendosi delle tecnologie informatiche che ruotano intorno al portale Cliclavoro, è finalizzata
a raccogliere alcune informazioni di base, utili anche per un confronto internazionale. Essa è
destinata a divenire regolare nel tempo e ad arricchirsi di dati ed informazioni condivise da
tutti i Centri per l’impiego (CPI). Per la rilevazione delle informazioni è stato utilizzato un questionario condiviso al Tavolo tecnico SIL1, somministrato attraverso il portale Cliclavoro (www.cliclavoro.gov.it); questa modalità di acquisizione delle informazioni, corredata da un glossario puntuale, garantisce una maggiore uniformità dei dati che rende i confronti più affidabili.
I risultati di questa attività, che si è svolta durante il 2013, vengono presentati nelle pagine
che seguono. Il Rapporto è composto da 5 capitoli ai quali si aggiungono alcune appendici che
completano l’illustrazione. Il primo capitolo traccia l’evoluzione normativa dei CPI fornendo
anche una overview sui compiti loro affidati e sullo stato dell’arte dell’attuazione regionale
delle norme sull’accreditamento che hanno influenza sull’organizzazione dei servizi al lavoro
nel territorio.
Il secondo capitolo fornisce alcune importanti informazioni sulla localizzazione geografica dei
556 centri esistenti, istituiti dal decreto legislativo 4692. Questo capitolo può essere completato
con gli strumenti che il portale Cliclavoro mette a disposizione per orientarsi “territorialmente”
(il cittadino che si rivolge al portale può utilizzare la georeferenziazione di tali uffici per
calcolare la distanza dal proprio domicilio) e sarà il punto di riferimento per ulteriori rappresentazioni grafiche delle variabili che interessano ciascun centro.
Il terzo capitolo, tutto dedicato all’utenza dei servizi, offre le prime informazioni su quali sono
i soggetti – per il momento solo “cittadini” – che si rivolgono ai Centri per l’impiego, con una
specificazione in base ad alcune variabili quali il sesso, l’età, lo stato di disoccupazione. Queste
informazioni sono molto utili per organizzare le politiche e misurare anche il loro impatto
sull’organizzazione.
Il quarto capitolo costituisce un primo passo verso l’analisi dei fabbisogni di personale interno
agli uffici e si è concentrato, in questa prima fase, sul numero degli operatori, sul titolo di studio posseduto e sulle tipologie di contratto con il quale sono assunti. Nell’ottica di potenziare  i servizi diretti al cittadino, è stata fatta una “vista” specifica sugli operatori di front office.
Da ultimo, il quinto capitolo utilizza il sistema delle comunicazioni obbligatorie per analizzare la domanda di lavoro subordinato e parasubordinato per ciascun Centro per l’impiego e per questo costituisce il primo nucleo per un’analisi sui mercati del lavoro locali che può prescindere dalle suddivisioni “istituzionali” e che guarda sicuramente ad altri elementi più “di mercato”, utili anche per una diversa organizzazione sul territorio di queste strutture.
Le appendici sono dedicate, oltre che a contenere tutte le tabelle elaborate sulla base delle informazioni raccolte, all’illustrazione del questionario e del glossario dei termini.
Le informazioni contenute in questa pubblicazione, e i loro aggiornamenti periodici, saranno utilizzate per disegnare, insieme alle Regioni e alle Province, gli interventi necessari al potenziamento del CPI ed al miglioramento della loro efficienza, temi sui quali è stato già aperto un tavolo di confronto.

Scarica il documento monitoraggio-CPI-2013.