Referendum: cosa cambia per l’IeFP. / Rassegna CNOS 3/2016

Come noto, a breve sarà sottoposto a referendum popolare il disegno di legge costituzionale, intitolato “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” (A.C. 2613-D), definitivamente approvato dalle Assemblee parlamentari. Quali saranno gli effetti del referendum sulla IeFP, a seconda che prevalga il sì alla riforma o che vinca invece il no? (Il contributo, a cura di G.M. Salerno, sarà pubblicato sul prossimo numero della rivista Rassegna CNOS 3/2016).

1. Premessa Come noto, a breve sarà sottoposto a referendum popolare il disegno di legge costituzionale, intitolato “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” (A.C. 2613-D), definitivamente approvato dalle Assemblee parlamentari. Quali saranno gli effetti del referendum sulla IeFP, a seconda che prevalga il sì alla riforma o che vinca invece il no? In breve, come sarà complessivamente riconfigurato il sistema della IeFP se il voto popolare confermerà la riforma? O, dall’altro punto di vista, e dunque se la riforma non sarà infine approvata dal popolo ed il quadro costituzionale resterà immutato, quali azioni occorrerà intraprendere per dare alla IeFP un assetto più stabile, effettivo ed omogeneamente diffuso sull’intero territorio nazionale?

 

Continua a leggere

http://www.agesc.it/detail.asp?c=1&p=1&id=4890

Rispondi