News dall’Europa – Quaderno del 28 dicembre 2016 – Quaderni di Tecnostruttura

Nasce il Corpo europeo di solidarietà

A soli due mesi dall’annuncio del presidente Jean-Claude Juncker, lo scorso 7 dicembre la Commissione europea ha istituito il Corpo europeo di solidarietà. Si tratta di un progetto rivolto ai giovani che vogliono dare il proprio contributo alla società in tutta l’Unione europea e, al contempo, acquisire un’esperienza d’inestimabile valore all’inizio della loro vita lavorativa. Il Corpo europeo di solidarietà rappresenta il primo risultato delle priorità di azione individuate al vertice di Bratislava di settembre e s’inscrive all’interno dell’impegno della Commissione nella realizzazione del principio di solidarietà, alla base del progetto di cooperazione europea sin dai suoi albori. L’obiettivo è, infatti, quello di mettere in pratica i valori fondanti dell’Unione, dando la possibilità ai giovani di portare il proprio aiuto alle persone colpite da situazioni difficili in tutti gli Stati membri e oltre. Ciò darà ai giovani l’opportunità di apprendere nuove competenze, utili sia per la vita che per il futuro lavorativo.Ragazzi tra i 18 ed i 30 anni, cittadini o residenti della Ue, saranno infatti chiamati ad affrontare le grandi sfide che attanagliano le società europee, come la ricostruzione di comunità dopo le calamità naturali, l’emarginazione sociale, l’accoglienza e l’integrazione di rifugiati e migranti. Ma non solo. I partecipanti del Corpo europeo di solidarietà avranno la possibilità di impegnarsi in diversi ambiti, dall’istruzione alla salute, dall’assistenza sociale alla protezione dell’ambiente. In particolare, la Commissione ha istituito per loro due principali attività da svolgere in un periodo compreso tra i due e i dodici mesi: quelle di volontariato, opportunità a tempo pieno non retribuite, e quelle occupazionali, tirocini, apprendistato o impiego retribuito. Per questo i partecipanti saranno abbinati ad organizzazioni non governative (ONG), enti nazionali e locali o imprese private che sono alla ricerca di sostegno da parte di giovani.L’età minima per registrarsi al Corpo è 17 anni, mentre per partecipare al progetto bisogna essere maggiorenni.

Sorgente: News dall’Europa – Quaderno del 28 dicembre 2016 – Quaderni di Tecnostruttura

Rispondi