Non trova dipendenti per la sua impresa, tapezza la strada di cartelli: “Cerco lavoratori” – 

Se la ricerca di un lavoro per molti non è semplici, in alcuni casi la ricerca di lavoratori può essere altrettanto difficile. Lo sa bene Francesco Celante, titolare e fondatore della Rotas Group Srl di Treviso che, per cercare ingegneri, periti e stampatori, ha tappezzato uno di viali della città di cartelli cartacei per segnalare la ricerca di lavoratori. A raccontare la vicenda è La Tribuna di Treviso. «Cerchiamo i nostri addetti in tutto il mondo e con tutti i mezzi disponibili», ha spiegato il titolare, «il nostro è un grande campus, diamo ai nuovi arrivati il tempo di ambientarsi, certo non è facile trovare certe posizioni perché il mercato del lavoro è molto cambiato. Sia per le aziende, che per chi cerca lavoro».

L’azienda da cinquant’anni produce etichette adesive per l’enologia e non solo e ha due stabilimenti produttivi (a Treviso, 19 mila metri quadrati, e a Barcellona) e un centro di ricerca a Prato, con 130 collaboratori di cui il 60% under 40.

Fonte: Non trova dipendenti per la sua impresa, tapezza la strada di cartelli: “Cerco lavoratori” – Repubblica.it

La Cassetta degli Attrezzi del Consulente di Orientamento, 15′ Edizione

MILANO. Ottobre 2017: venerdì 20: la consulenza di orientamento con persone in cerca di lavoro, sabato 21: il bilancio di competenze con adulti, domenica 22: la gestione del colloquio di orientamento utilizzando le abilità di counseling e la gestione di piccoli gruppi con finalità orientative. Il seminario si tiene in zona Stazione Centrale. Iscriviti adesso e paghi solo 280 € compresa IVA invece di 360 €.

Il seminario, in 3 giornate, in orario 9,30-13 e 14-17,30 (21 ore d’aula), è dedicato agli strumenti di base per chi svolge attività di orientamento, career coaching e outplacement: la consulenza di orientamento con persone adulte in cerca di lavoro (1’ giornata), il bilancio di competenze con adulti (2’ giornata), la gestione del colloquio di orientamento utilizzando le abilità di counseling (3’ giornata). La quota di iscrizione comprende anche un fascicolo di oltre 40 pagine contenenti schede da utilizzare nelle attività di orientamento con licenza d’uso e le istruzioni per utilizzarle.

Continua a leggere: Seminario sull’orientamento

Disoccupati per scelta.”Tanto, ho la Naspi…” | La nuvola del lavoro

Ne arrivano a pioggia segnalazioni d’imprenditori che vogliono assumere e che ricevono un rifiuto: “No…tanto ho l’indennità di disoccupazione…”Qualche mese fa, era stato Bachisio Ledda titolare della ‘Mail Express Posta & Finanza’ di Teramo a lanciare una specie di allarme: “Su 100 persone selezionate per il ruolo di portalettere, 90 hanno rinunciato. Il nodo è che riescono a mantenersi con la Naspi. E dei controlli, meglio non parlare…

Continua a leggere: Disoccupati per scelta.”Tanto, ho la Naspi…” | La nuvola del lavoro

ASSEGNO DI RICOLLOCAZIONE: SPUNTI PER UNA NUOVA PROGETTAZIONE | Sviluppo Lavoro Organizzazione

Stanno arrivando i primi risultati relativi all’assegno di ricollocazione, sulle 30mila lettere inviate nella sperimentazione dell’assegno ben poche sono le risposte da parte dei destinatari. Inevitabile l’avvio dei ragionamenti sull’efficacia del dispositivo. Claudio Negro – profondo conoscitore delle politiche del lavoro lombarde – segnala alcuni punti di attenzione che sarebbe utile introdurre in tempi molto brevi. E lo stesso fa Luigi Olivieri, che ragiona tra l’altro sulla modalità di gestione della co

Continua a leggere: ASSEGNO DI RICOLLOCAZIONE: SPUNTI PER UNA NUOVA PROGETTAZIONE | Sviluppo Lavoro Organizzazione

I giovani Usa non cercano lavoro? Colpa dei videogiochi – Repubblica.it

Uno studio di economisti di tre prestigiosi atenei mostra che negli Stati Uniti una fetta crescente di ragazzi preferisce restare casa davanti a pc e consolle invece di mettersi in cerca di un impiego. Il risultato: il 70 % dei Neet vive ancora con un genitoredi MAURIZIO RICCILo leggo dopoTAG videogiochi, neet, lavoro, occupazioneUn segno sicuro che la  società occidentale gira a vuoto, che i meccanismi tradizionali di sviluppo e progresso si sono inceppati? L’inesorabile aumento dei Neet, gli inattivi, cioè i milioni di giovani che non lavorano, ma neanche studiano. Ma cosa fanno i Neet, visto che non studiano e non lavorano? Per l’Europa non abbiamo risposte o dati, ma quelli che vengono da oltre Atlantico lasciano a bocca aperta. A tenere i ventenni lontani dal mercato del lavoro sarebbero i videogame, talmente luccicanti e travolgenti da creare una sorta di dipendenza. Infatti, gli stessi giovani sono contentissimi così, senza stipendio, ma a carico di mamma, papà o nonna.

Sorgente: I giovani Usa non cercano lavoro? Colpa dei videogiochi – Repubblica.it

All’università  con Ferrari e Lamborghini – Repubblica.it

Fra pochi giorni scadono le iscrizioni alla Motorvehicle University of Emilia-Romagna (MUNER), viaggio nella fabbrica dei migliori talenti motoristici del pianeta Fotodi VINCENZO BORGOMEO19 luglio 2017Ultimi giorni – c’è tempo fino al 28 luglio – per iscriversi ai famosi corsi della Motorvehicle University of Emilia-Romagna (MUNER), l’associazione voluta dalla Regione che vede protagoniste le università di Modena e Reggio Emilia, Bologna, Ferrara e Parma e i miti italiani, ovviamente della zona: Ferrari, Lamborghini ma anche Dallara, Ducati, Haas F1 Team, HPE Coxa, Magneti Marelli, Maserati e Toro Rosso.

Continua a leggere: All’università con Ferrari e Lamborghini – Repubblica.it

Linee guida per la descrizione di profili e ruoli professionali

Linee guida per la descrizione di profili e ruoli professionali

Da qualche anno è in corso in Italia un processo che sta portando allo sviluppo di un repertorio nazionale dei profili professionali e delle relative qualifiche. Ma quali sono i principi che devono guidare la descrizione dei profili professionali? Qui di seguito descrivo una serie di linee guida.

  1. per ogni profilo o ruolo professionale vanno indicate le attività principali (cioè più importanti) che caratterizzano il profilo o ruolo professionale.
  2. A. per ogni attività principale vanno descritte le sotto attività principali che rendono possibile lo svolgimento di ciascuna attività principale. B. ogni sotto attività può comparire in una sola attività principale
  3. attività principali e sotto attività devono riferirsi a azioni osservabili e vanno descritte con verbi di azione, utilizzando una terminologia la più comprensibile possibile
  4. nella descrizione di attività e sotto attività non vanno utilizzati termini qualitativi relativi alla prestazione quali ad esempio ‘adeguato’, ‘consapevole’, ‘efficace’ perché si tratta di termini generici, non misurabili. Lo standard minimo relativo allo svolgimento di attività principali e sotto attività sarà definito successivamente in un documento apposito che descriverà indicatori osservabili e misurabili.

Alcuni esempi

Per un consulente di orientamento, le attività principali possono essere 1. Svolgere colloqui individuali, 2. Svolgere attività di orientamento con piccoli gruppi 3. Aiutare i propri clienti a definire un obiettivo professionale e un piano d’azione per raggiungerlo, 4. Aiutare i propri clienti a svolgere una ricerca di lavoro, etc.

Le sotto attività di 1. Svolgere colloqui individuali possono essere 1.1. Avviare il colloquio 1.2. Svolgere l’analisi della domanda del cliente 1.3. Rinviare il cliente ad altro servizio 1.4. Verificare assieme al cliente di aver compreso gli elementi più importanti della situazione, etc.

Alcuni esempi di espressioni che non vanno utilizzate e dei motivi per cui non vanno utilizzate:

  • Essere consapevole –> non è un verbo d’azione
  • Gestire efficacemente –> entrambi sono termini generici
  • Contribuire attivamente –> entrambi sono termini generici
  • Capacità di apertura collaborativa –> linguaggio inutilmente elaborato, non è un verbo di azione
  • Stringere la mano al cliente –> è un’azione che fa parte dell’attività principale 1. Svolgere colloqui individuali, ma è una sotto attività della sotto attività 1.1. Avviare il colloquio (il suo codice identificativo sarebbe 1.1.1.) e pertanto non si indica. Per gli scopi di una semplice, generica descrizione di un profilo o ruolo professionale il terzo livello (sotto sotto attività) è un livello di dettaglio troppo elevato
  • Condividere le decisioni –> termine generico
  • Comprendere le motivazioni –> non è un verbo d’azione
  • Essere collettori di –> linguaggio troppo elaborato, non sembra essere un verbo d’azione.

 

Articolo contenuto sul sito www.orientamento.it. Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.